Feeds:
Articoli
Commenti

Posts contrassegnato dai tag ‘biennale venezia’

Zhanna Kadyrova, Do not enter, 2005, ferro galvanizzato, piastrelle di ceramica, cemento, poliuretano espanso, 140 × 140 × 20 cm, collezione Vladimir Ovcharenko, Mosca, foto Andrew Yagubsky

Zhanna Kadyrova, Do not enter, 2005, Vladimir Ovcharenko collection, Mosca, photo Andrew Yagubsky

Zhanna Kadyrova (Brovary, Ukraine, 1981): what was your journey of discovery of the artistic languages: ​​from sculpture to mosaics or the opposite? In particular, what kind of materials do you use for the mosaic?

I finished my art school classes in the sculpture department: it taught me a space perception thinking, but this school was an academical one, very conservative – all of the sculpture compositions that we were making were monotone, as well as the sketches we were drawing with a simple pencil. I can say that the very first and unconscious impulse that I had was to work with color. I started to make drawings with felt pens, then continued with ceramic tiles and mosaic sculpture. Of course there is also a second indispensable component: the symbolic of the material itself (the tile). 

Zhanna Kadyrova, Tolya, The Plumber, 2004–2005, cornice rinforzata, piastrelle di ceramica, cemento, poliuretano espanso, 60 × 172 × 30 cm, collezione Vladimir Ovcharenko, Mosca, foto Andrew Yagubsky, Alexei Lerer

Zhanna Kadyrova, Tolya, The Plumber, 2004–2005, Vladimir Ovcharenko collection, Mosca, photo Andrew Yagubsky, Alexei Lerer

Zhanna Kadyrova, Cube, 2009, piastrelle di ceramica, cemento, poliuretano espanso, 60 × 60 × 60, collezione Oleg Krasnoselsky

Zhanna Kadyrova, Cube, 2009, Oleg Krasnoselsky collection

Zhanna Kadyrova, Fruit, 2008, piastrelle di ceramica, poliuretano espanso, altezza 140 cm, collezione Fondazione Vladimir Smirnovand Kostantine Sorokin, Mosca

Zhanna Kadyrova, Fruit, 2008, collection of Vladimir Smirnovand Kostantine Sorokin Foundation, Mosca

The sculpture tends to give an idea of solidity, even if it is done through the mosaic. Instead one of the most interesting things of your works is that mosaic breaks sculpture, goes into the sculpture and digs it, like a geode: the fragmentation of the object is not reconstructed, but exalted. Could you talk about your idea of mosaic?

It was truly important for me to break and to flex something that usually doesn’t break. Everything was used to see a geometrical module of an every-day tile/plate. The utilitarian and commonness of the material gave me great possibilities. 

Zhanna Kadyrova, Apple, 2010, calcestruzzo, cemento, muro di mattoni, frammenti, piastrelle di ceramica, 300 × 300 × 300 cm, Lenin Street, Perm, Russia, foto Alexander Khomutov

Zhanna Kadyrova, Apple, 2010, Lenin Street, Perm, Russia, photo Alexander Khomutov

Zhanna Kadyrova, Form of Headlights, 2012, automobile, cornice di legno, cemento, 625 × 172 × 148 cm, courtesy dell'artista e Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Le Moulin, produzione di Izolyatsia-Platform for Cultural Initiatives, Donetsk, Ukraine, foto Oak Taylor-Smith

Zhanna Kadyrova, Form of Headlights, 2012, courtesy of the artist and Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Le Moulin, production of Izolyatsia – Platform for Cultural Initiatives, Donetsk, Ukraine, photo Oak Taylor-Smith

Zhanna Kadyrova, Data Extraction – Kyiv, 2012, armatura di metallo, resina epossidica, asfalto, 97 x 97 cm, proprietà dell'artista

Zhanna Kadyrova, Data Extraction – Kyiv, 2012, property of the artist

Seems to me that in your work, even in those currently exposed to the Ukrainian Pavilion at the Venice Biennale, various influences are acting. They would be contradictory but you knew how to combine them in an original way: from pop to ready-made, from the use of poor materials to the more elaborate and shiny.

There’s attention to the beauty of things not beautiful in appearance: the cement is heavy and without grace, but in your old work, in the form of a giant cone, it becomes light and touches the headlights, or rather it comes from the headlights of an old car (perhaps a “time machine” or rather a “memory machine”). Or your fragments of asphalt hung like paintings (which remind me of an amazing series of a great Italian photographer, Franco Fontana): they are generally under our feet, we do not notice them, but so isolated and hung on the wall, they make all the poetry of their reality.

Well, could you talk about your current work at the Biennale?

In the Ukrainian Pavilion I was exhibiting two completely different projects: a documentation of Monument of the New Monument and objects of the serie No Explicit Forms. The curators of the exhibition Alexander Soloviev and Viktoriya Burlaka have selected these works.

Zhanna Kadyrova, Monument to a New Monument, progetto realizzato per la residenza d'artista «Shargorodrafinad», 2009, calcestruzzo, cornice rinforzata, poliuretano espando, piastrelle di ceramica, pietra, pietra da pavimento, panchine, lampioni, (figura) 70 × 200 × 60 cm, (piedistallo) 256 × 150 × 256 cm, Lenin Street, Sharhorod, Ukraine

Zhanna Kadyrova, Monument to a New Monument, 2009, Lenin Street, Sharhorod, Ukraine

1. In 2007 I was invited to participate in a festival of architecture of the small city of Shargorod (Ukraine). I started to work on the public sculpture Monument of the New Monument, but I had the possibility to install it only in 2009. It was very important for me that, in addition to my being a sculptor who was making a sculpture, I started to work for the first time as architect. The square where is the monument was built following my project, benches and lamps were made after my sketches. 150 square meters of pavers were put on the ground, and the gas pipe that was going throw the square was put underneath it.

Once the curators have chosen this work, there was a question up for me: repeat the sculpture or make a documentation of this site-specific. I didn’t like the usual supporting documentation (photo, video), because of its bidimensionality. The DIY hologram that we exhibited at the Pavilion accomplished in my opinion is a prior task, to show the life around an contemporary artwork in a small town. The possibility to see the work from its four sides, the possibility to walk physically around it, was a real experiment for me. I made this kind of work for the first time and many people helped me with it. Four GoPro cameras were put on each of the four sides and, synchronously, every 10 seconds, made a shoot during all day, from sunset to sunrise. Thanks to this we had a quickening day of twelve minutes with passengers, cars, animals and everything that surrounded the sculpture every day, the original sound was also recorded this way. 

Zhanna Kadyrova, Security Camera, 2012, videocamera di sorveglianza, cornice di legno, muro a secco, cemento, dimensioni variabile, courtesy dell'artista e Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Le Moulin, produzione di Izolyatsia-Platform for Cultural Initiatives, Donetsk, Ukraine, foto Oak Taylor-Smith

Zhanna Kadyrova, Security Camera, 2012, courtesy of the artist and Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Le Moulin, production of Izolyatsia – Platform for Cultural Initiatives, Donetsk, Ukraine, photo Oak Taylor-Smith

2. The second project exhibited at the Ukrainian Pavilion is a work of the serie No Explicit Forms. This time I materialized the immaterial view of a security camera and a video camera, that are directed on some mysterious object of the exhibition. The choice of the material is here very important, as the concrete is a rough, heavy and basic material. It was important to put it against the ephemeral view of the cameras. The idea of the work is that at the first glance the unnoticed has a great impact on our private life. There was also a connection to the Biennale as a publicized art event. Maybe a chef-d’oeuvre is hidden under the eye of the camera.

Zhanna Kadyrova, Bench-graphs, 2008, calcestruzzo, armatura di metallo, piastrelle di ceramica, 840 × 69 × 415 cm, Peremohy Avenue, Kyiv

Zhanna Kadyrova, Bench-graphs, 2008, Peremohy Avenue, Kyiv

Zhanna Kadyrova, Honor Board, 2003, 11 fotografie in bianco e nero, truciolato, acrilico, 180 × 130 cm, collezione Izolyatsia-Platform for Cultural Initiatives, foto Dmitry Sergeev

Zhanna Kadyrova, Honor Board, 2003, Izolyatsia – Platform for Cultural Initiatives collection, photo Dmitry Sergeev

Zhanna Kadyrova, Shell, 2008, property of the artist, photo Andrew Yagubsky, Alexei Lerer

Zhanna Kadyrova, Shell, 2008, property of the artist, photo Andrew Yagubsky, Alexei Lerer

What is the situation of the mosaic in your Country? Are there other artists who use it in the contemporary sense?

The mosaic in Ukraine has very deep roots, as it is a traditional soviet element of the public space interior design. There are still some monumental signboards on the walls of different institutions and mosaic used in the bus stops that everybody can see nowadays. More contemporary mosaic can be seen in the Vinnytsia region, it is used to decorate houses. But these mosaics are more ornamental, the soviet ones are ideological.

There are not so many artists working with mosaic, some of them use it once, and then choose to move on… O. Tistol (from Kiev) made mosaic framings for his works, L. Zvezdochetova (Moscow) used tile mosaic, Artem Andreichuk (Kiev) uses tiles in his paintings, Anatoli Gankevich (Odessa) imitates mosaic in his paintings.

Zhanna Kadyrova, Diamonds, 2006, piastrelle di ceramica, cemento, poliuretano espanso, proprietà dell'artista, foto Sergey Illin

Zhanna Kadyrova, Diamonds, 2006, property of the artist, photo Sergey Illin

Zhanna Kadyrova, Filling, 2012, vasellame smaltato e contenitori domestici, piastrelle di ceramica, dimensioni variabili, courtesy dell'artista e Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Le Moulin, produzione di Izolyatsia-Platform for Cultural Initiatives, Donetsk, Ukraine, foto Oak Taylor-Smith

Zhanna Kadyrova, Filling, 2012, courtesy of the artist and Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Le Moulin, production of Izolyatsia – Platform for Cultural Initiatives, Donetsk, Ukraine, photo Oak Taylor-Smith

Zhanna Kadyrova, Oblast, 2010, property of the artist, photo Sergey Ilin

Zhanna Kadyrova, Oblast, 2010, property of the artist, photo Sergey Ilin

What are your plans for the future?

In the end of June I am making a residency in the Izolyatsia Foundation, in Donetsk (Ukraine). There I am going to make a monumental signboard out of recovered tiles coming from facade walls of the fabric. It will be a bas relief representing the contemporary city and will occupy the entire wall. Also, in my upcoming shows, I will have a solo exhibition in September entitled Crowd at the Moscow Biennale.

Zhanna Kadyrova, Crowd, 2012, property of the artist

Zhanna Kadyrova, Crowd, 2012, property of the artist

Zhanna Kadyrova, Wood, 2009, private collection, Kyiv

Zhanna Kadyrova, Wood, 2009, private collection, Kyiv

Vladimir Smirnov and Konstantine Sorokin Foundation

3 Profsoyuznaya Street, Moscow

E-mail: info@smirnovartsorokin.com

Tel.: +7 (499) 124-69-35

Fax: +7 (499) 124-69-31

Read Full Post »

Accademia di Belle Arti di Ravenna, facciata e ingresso principale presso Via delle Industrie, 76

Maria Rita Bentini (Ravenna, 1959): sei stata coordinatrice didattica dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna dal 2008 sino all’ottobre 2011. La maggior parte dei giovani artisti che sto intervistando per questa rubrica, di provenienza nazionale ed estera, sono usciti da questa Accademia, scelta proprio per specializzarsi sul mosaico, con un’offerta didattica ormai riconosciuta anche a livello internazionale.

A questo proposito, ti chiedo di tracciare un bilancio generale di questo triennio, di ciò che è stato fatto e di cosa si potrebbe, anzi, si dovrebbe ancora fare.

Piuttosto che un bilancio mi piacerebbe far scorrere rapidamente, a memoria, le immagini di quanto accaduto in questi tre anni così intensi di esperienza. Partendo da una considerazione precedente a questo mio impegno.

Vivevo a Ravenna (anche continuando a insegnare all’Accademia di Bologna) e in città prendevo parte attiva alla vita della ricerca artistica contemporanea: mostre, incontri, progetti. Ma registravo di frequente che l’Accademia non c’era. Sì, qualche volta se ne parlava, ma era come se fosse confinata ai margini della vita culturale della città. Molti ravennati frequentavano l’Accademia a Bologna, o continuavano gli studi artistici a Milano, a Venezia. Dopo gli anni di D’Augusta e di Dragomirescu, non vedevo segni della sua presenza in città, e non soltanto perché era stata trasferita la sede dalla Loggetta Lombardesca in via delle Industrie.

Sono arrivata dopo mesi in cui si diceva: “l’Accademia di Ravenna chiude”. Il Comune di Ravenna aveva deciso di fare un accordo con l’Accademia di Bologna che prevedeva una collaborazione tra le due Accademie e la scelta di concentrare l’’offerta formativa sul mosaico contemporaneo. Non mi ero mai particolarmente interessata né all’Accademia di Ravenna, né al mosaico contemporaneo. Quando avevo curato mostre come la personale di Leonardo Pivi nel 2005 per il Museo d’Arte della Città, il progetto non era partito dal mosaico ma dai linguaggi contemporanei, dalla loro ibridazione – Pivi con la Lara Croft e gli altri personaggi virtuali del suo immaginario era un perfetto outsider del mosaico ravennate -, anche se poi ne era uscita una mostra bellissima (di mosaici) che sorprese.

A metà novembre 2008, il Direttore chiese a me e ad alcuni docenti ravennati a Bologna  di lavorare anche a Ravenna e di scommettere su un rilancio dell’Accademia. Conoscevo l’assessore Stamboulis e la sua competenza perché da anni collaboravo con RAM, il concorso dei giovani artisti ravennati del circuito nazionale G.A.I., stimavo i colleghi (Babini, Cucchiaro, Nicosia e gli altri), così ho accettato questa sfida.

Frame video di Marisa Monaco, supervisione di Yuri Ancarani

Come coordinatrice ho subito messo le mie energie con quelle di chi voleva che l’Accademia di Ravenna ripartisse, c’erano anche nuovi docenti come Dusciana Bravura, Sabina Ghinassi, Felice Nittolo. Molti i problemi e le cose da fare, ma tante le idee nuove. Bisognava riformulare i vecchi piani di studi sperimentali, anche il Corso di Mosaico avrebbe chiuso se non si adeguava. Poi, perché non affiancare al Mosaico le nuove tecnologie? Così è comparso il corso di New Media, con Yuri Ancarani. E Fotografia, con Guido Guidi, doveva restare. Tra i nuovi docenti sono arrivati Daniele Torcellini, l’arch. Antonio Troisi, Alessandra Andrini, Viola Giacometti.

Per la prima mostra di fine anno intitolata Oralities ci siamo uniti a un progetto europeo della città e a un evento bellissimo come il Festival delle Culture, poi ci sono state le rassegne che hanno presentato le novità più belle del mosaico dell’Accademia nella cornice di RavennaMosaico: Doppio gioco, Life is Mosaic! E infine Avvistamenti, che si è chiusa da poco. Ma era necessario valorizzare l’Accademia anche a livello nazionale, così abbiamo partecipato al Premio delle Arti: i giovani artisti da Ravenna sono stati subito selezionati e Silvia Naddeo, lo scorso anno, ha vinto il Primo premio per la Decorazione con la sua “carotona” (l’opera Eat meat, 2009, n.d.r.) a mosaico. Una bella soddisfazione, anche perché la commissione era davvero di alto profilo, presieduta da Anna Mattirolo, Direttrice del MAXXI Arte, e con Laura Cherubini tra i componenti. Quest’anno alla Biennale di Venezia c’era un evento speciale del Padiglione Italia dedicato ai giovani artisti di talento usciti dalle Accademie italiane: ecco, abbiamo partecipato, e anche dall’Accademia di Ravenna sono stati selezionati due artisti.

Peter Greenway al Teatro Alighieri di Ravenna, 24.11.2009

Poi gli eventi e i progetti particolari: Peter Greenaway al Teatro Alighieri, con un pubblico straordinario, per la lectio magistralis all’apertura dell’anno accademico 2009-2010, la presentazione del volume dedicato ai centottant’anni dell’Accademia un anno fa  (allora il nostro testimonial-ex allievo fu Giuseppe Tagliavini, premio Oscar effetti speciali di Avatar). La giornata per Albe Steiner – grazie a Massimo Casamenti! -, il designer che con la sua cultura del progetto ha influenzato anche molti creativi del territorio, con la bellissima testimonianza della figlia Anna e il film che documentava la sua avventura di uomo e di artista. Eventi aperti a tutta la città che hanno cominciato a fare sentire che l’Accademia c’è e che la sua presenza rende più attiva e giovane la vita culturale di Ravenna.

Draghiland, 23.10.2011

Il murales dedicato alla Poderosa, presentato al pubblico prima di essere spedito a Cuba, Draghiland che stava benissimo nel giardino del Complesso residenziale La Compagnia di san Giorgio a cui gli allievi avevano lavorato per tutta un’estate, i preziosi  totem musivi per il Sistema Museale della Provincia. E altro ancora accanto al Mosaico, perché in Accademia ci sono tanti altri corsi come Pittura, Decorazione, Plastica ornamentale, Incisione. Penso alla collaborazione dell’Accademia con il Premio OPERA/Fabbrica, un concorso a tema per giovani artisti promosso dalla CGIL. O all’etichetta del vino M.O.M.A. che, dopo essere stata dedicata a Morandi, è ora quella di un’allieva dell’Accademia di Ravenna, il cui progetto è stato scelto prima da una commissione presieduta dal Direttore del MAMbo, poi votato on-line come il migliore.

Totem musivi per il Sistema Museale della Provincia di Ravenna, 2011

C’è stata la mostra Elogio della mano al Mar, disegni anatomici provenienti dall’Accademia di san Pietroburgo, per coltivare un nuovo rapporto internazionale. E l’incontro con le realtà teatrali: Chiara Lagani (Fanny & Alexander), Motus, Kinkaleri, Edoardo Sanchi (sono sue le scene dell’Avaro delle Albe). Ne è nata la mostra di fine anno 2010 insieme a “Ravenna viso in aria”, in un week end di full immersion con le energie delle realtà teatrali del territorio. Nella stessa primavera, in collaborazione con il Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’arte dell’Accademia di Bologna diretto da Cristina Francucci, abbiamo promosso un ciclo di cinque conferenze dedicate al tema arte-museo-scuola che si sono svolte al Mar: sono state presentate esperienze molto innovative come quella della sezione didattica del Castello di Rivoli a Torino, del Palazzo delle Esposizioni a Roma, del MAMbo a Bologna, offrendo coordinate nuove alla didattica dell’arte di cui ha tanto bisogno questa città.

L’ultima slide che ho in mente è per il Premio Tesi. Ho subito pensato a un Premio per individuare gli allievi più promettenti ma soprattutto per dare a loro la possibilità di crescere, “fuori”. Così lo abbiamo chiamato Starting Point!   Il primo anno alla Ninapì, poi al Museo Carlo Zauli di Faenza e infine al Palazzo della Provincia ravennate, Cripta e Giardini pensili: una mostra come premio, ma anche qualcosa di più. Piuttosto che i docenti ho voluto dei giovani critici all’opera, che hanno selezionato e presentato i giovani artisti vincitori.  È stato un contatto che ha fatto scaturire molte nuove aperture. La rivista Solo Mosaico ha arricchito questo premio con una residenza a San Pietroburgo e Mosca, dando al migliore del Mosaico un’ottima possibilità di sviluppare un proprio progetto per cominciare a prendere il volo.

Premio Tesi 2010, assegnazione del Premio Solo Mosaico (sulla destra si riconoscono Roberta Grasso e Silvia Naddeo)

Ecco, sì, sono nati nuovi talenti. Grazie all’esperienza didattica di tanti docenti dell’Accademia, ma anche (credo) dalle stimolanti occasioni create in questi tre anni.

Pensa che al Premio Giovani Artisti e Mosaico promosso quest’anno dal Museo d’arte della Città, tra i dieci selezionati in mostra ben quattro venivano dall’Accademia, e la vincitrice (per l’opera che ha utilizzato il mosaico in modo non convenzionale) è stata Samantha Holmes: un anno fa era venuta da New York in Accademia proprio per imparare il mosaico.

Quello che si potrebbe ancora fare? Meglio dirti quello che NON si dovrebbe fare: tornare indietro.

Settembre 2011: prima dell’inizio del nuovo anno accademico 2011-2012 hai deciso di non rinnovare la disponibilità del tuo incarico: una rinuncia o una presa di posizione? Quali ragioni ti hanno portata a questa scelta?

Chi mi conosce sa che quest’ultimo anno, in particolare, è stato durissimo. Non dico che gli anni precedenti siano stati una passeggiata, specie per contrastare la logica di chi, dalla logica del “tanto peggio tanto meglio”, cerca di ottenere alcuni vantaggi . Ma la ragione di questa scelta è molto semplice. Nell’esperienza fatta ho visto molte potenzialità e molti limiti, diciamo ostacoli, che hanno “bruciato” molte, troppe energie.

Per me queste potenzialità devono essere aiutate sia incrementando la qualità dei percorsi legati al Mosaico, sia formulando qualche nuova ipotesi. Accanto al Mosaico l’Accademia dovrebbe offrire spazio ad altre esperienze e linguaggi, in particolare coinvolgendo realtà molto vive nel territorio, come il teatro contemporaneo, la fotografia. Non parlo solo di nuove risorse necessarie, ma di andare più chiaramente in una certa direzione. Quando i soldi sono pochi bisogna sempre usarli con più intelligenza. Lasciare andare le cose senza fare buone scelte, non porta da nessuna parte, anzi.

Accademia Belle Arti Ravenna Centottant'anni, Longo Editore Ravenna, 2010

In tutti questi mesi mi sono chiesta e ho chiesto con insistenza: Quale visione dell’Accademia? Quale l’importanza nel sistema del contemporaneo della città e in Romagna dell’Accademia?

Per me dalla risposta a queste domande dipende il futuro di questa Istituzione. Piccola ma importante perché legata al territorio, anche se in stretto rapporto con l’Accademia di Bologna. Importante per il Mosaico, visto che ormai l’Istituto d’arte Severini è divenuto Liceo, perdendo la sua specificità, e che dunque l’Accademia resta l’unico luogo di  formazione  legato al Mosaico. Importante se Ravenna vuole crescere davvero nella sua dimensione contemporanea verso la Candidatura a Capitale europea della Cultura nel 2019.

Silvia Naddeo, QrCode Ravenna 2019

Perché, infine, tanto sostegno  all’Università, tanta attenzione alla sua qualità, e non all’Accademia?

Ho visto l’assenza di scelte, l’Accademia completamente in mano a funzionari le cui azioni hanno davvero poco a che fare con la realtà dell’arte contemporanea. D’altra parte il fatto stesso di essere molto attivi, di impegnarsi per cercare di cambiare la stagnazione, com’è accaduto in questi tre anni a me e ai miei colleghi, apre molti canali di stima e buone collaborazioni all’esterno, ma può provocare effetti collaterali.

Ho esposto queste mie considerazioni a Bologna, tutte ascoltate e raccolte mentre lo stesso mio incarico è stato poi assegnato a Maurizio Nicosia, spero che la verifica in corso questi mesi porti a una svolta positiva. A Ravenna continuo a insegnare Storia dell’Arte contemporanea e a seguire con attenzione come l’Accademia viene gestita. Ora, per esempio, mi preoccupano le scelte che hanno riguardato il Biennio: se non si cura bene l’offerta formativa, che diranno i numerosi nuovi iscritti? La migliore pubblicità di una scuola è il buon andamento delle cose, per questo l’Accademia deve essere curata bene.  Intanto non vedo più tra i docenti Dusciana Bravura, Yuri Ancarani, Daniele Torcellini e Piercarlo Ricci, docente di 3D, che in Accademia ha fatto un gran lavoro anche allestendo un’ottima aula multimediale. Non si può perdere tempo, così si rischia di cancellare ogni buona novità.

Infine, una domanda alla storica e alla critica d’arte Bentini: nella diluizione artistica e identitaria contemporanea, cosa è il mosaico oggi, quale ruolo ha? E quale il suo futuro, pur sapendo che come ogni arte da sé va crescendo e si va regolando o negando?

Ho già avuto modo, negli ultimi mesi, di esprimermi pubblicamente su questi punti.

Kaori Katoh, Fioritura, 2010

Il mosaico deve essere sdoganato, nella visione di chi lo pratica e anche di chi lo promuove, come un linguaggio visivo, uno dei molti praticati oggi dagli artisti. E come ogni linguaggio anche il mosaico cresce, prolifera, si contamina, divenendo uno strumento ricco di possibilità per gli artisti. Surplus di materia, luce-colore, frammentazione-ricomposizione, lentezza esecutiva, sono aspetti costitutivi del mosaico.  Antichi e up-to date. Ma ad una condizione. La tecnica (penso al mosaico ravennate) deve essere tramandata, ma al tempo stesso deve essere attaccata da visioni sperimentali, che nascono da sguardi e da attitudini “esterne” appartenenti alle estetiche contemporanee. La “diluizione” artistica oggi è il flusso inarrestabile di immagini che non trova alcun argine nelle categorie tradizionali, viviamo una mutazione dell’immaginario collettivo data dalle nuove tecnologie. Su questo occorre prendere posizione (Bauman stesso, che ha parlato di modernità liquida, ce lo ha ricordato proprio in questi giorni a Ravenna, sottolineando il ruolo del “locale”), ma le coordinate identitarie contemporanee si  ridefiniscono sempre più in tal senso. Senza queste aperture  il mosaico si trasforma in un esercizio di stile altamente artigianale, magari protetto in un piccolo angolo del mondo, Ravenna.

Da dieci anni ormai a Faenza si fanno esperienze che hanno trasformato la ceramica in un terreno molto fecondo di esperienze contemporanee. Mi ricordo bene dell’opera di Sislej Xhafa, arrivato a Faenza per una residenza d’artista al Museo Carlo Zauli: si era appropriato della materia, per lui nuova, passando in ceramica la mail con la quale era stato invitato a fare quell’esperienza. In quel passaggio c’era tutta la densità di un incontro, di un nuovo punto di vista. È stato salutare anche il progetto che hai di recente curato insieme a Torcellini: l’Equazione impossibile genera nuovi pensieri, dunque nuove pratiche. La performance sonora di Malatesta che ha tradotto il mosaico dei CaCO3, a sua volta in dialogo con lo spazio del Battistero degli Ariani, le immagini ieratiche e il fulgore degli ori della cupola del VI secolo, è  in tal senso un’esperienza bellissima.

Penso che il ruolo dell’Accademia a questo proposito potrebbe essere molto importante, ma, come dicevo prima, in questa città bisogna fare buone scelte.

Bric-à-Brac accademiaravenna.net – Il blog dell’Accademia di Ravenna

Accademia di Belle Arti di Ravenna

Maria Rita Bentini alla Biennale di Venezia del 2007

Read Full Post »