Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘attualità’ Category

Daniela Novello, pietra e piombo

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Sto in questo corpo di pane

e il coltello mi attraversa

a diminuirmi in un tozzo

che nessuno ingoia.

Sono crosta e bolle di lievito

Ogni giorno

Ogni giorno provo ad accomodarmi un senso.

Elisa Ruotolo, Corpo di pane, Nottetempo 2019.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Matteo Lucca, mani di pane

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Non lo sapevo
ma avevo come tutti
il mio punto di rottura
come i vetri
come la terracotta
come il ferro.
Incrinata sbreccata e fusa
cammino in questa stanza
coperta fino alle unghie.
Nessuno tranne te
può vedermi debole.

Elisa Ruotolo, Corpo di pane, Nottetempo 2019.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Matteo Lucca, ritratti di pane

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Chiedo che passi tutto: il male e l’amore
ogni compromissione tentata e negata
con la vita.
Insegnami la gioia del niente
la lingua oscura della terra
che parla dal grano
fammi essere antica come il fuoco
vulnerabile come il legno
e senza anima.
Aiutami a tenere a casa la stanchezza
a restare nascosta nei desideri
e nella fame.
In fine proteggi a lungo questa verità
– come l’orcio colmo quando hai sete –
che è violento e smisurato
l’amore dei timidi.

Elisa Ruotolo, Corpo di pane, Nottetempo 2019.

Daniela Novello, pietra e piombo

Read Full Post »

Raffaello Sanzio, Leone X con i cardinali Giulio de’ Medici e Luigi de’ Rossi, 1518, Galleria degli Uffizi, Firenze

Si riproduce qui la prima edizione a stampa (presso Giuseppe Comino in Padova, 1733) della ormai nota lettera redatta nel 1519 da Raffaello Sanzio e Baldassarre Castiglione e solo a quest’ultimo attribuita nella settecentesca bellissima edizione cominiana delle sue opere.

È un documento fondamentale di consapevolezza e tutela delle antichità in rovina, frutto maturo del Rinascimento di cui il grande urbinate fu la stella più luminosa, non a caso celebrato a cinquecento anni dalla morte da una sontuosa mostra presso le Scuderie del Quirinale. Imperdibile.

Read Full Post »

Shuntarō Tanikawa

Essere vivi

Essere vivi
essere vivi ora
vuol dire avere sete
essere abbagliati dal sole fra gli alberi
ricordare all’improvviso una melodia
starnutire
tenerti per mano

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire minigonna
un planetario
Johann Strauss
Picasso
le Alpi
vuol dire imbattersi in tutte le cose belle
e poi
essere attenti e opporsi al male che vi si nasconde

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire poter piangere
poter ridere
potersi arrabbiare
vuol dire libertà

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire un cane che abbaia in lontananza ora
la terra che sta girando ora
da qualche parte il primo vagito che si alza ora
da qualche parte un soldato ferito ora
è un’altelena che dondola ora
è l’ora che passa ora

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire il battito d’ali degli uccelli
vuol dire il fragore del mare
il lento procedere di una lumaca
vuol dire gente che ama
il tepore della tua mano
vuol dire vita

(1971)

Shuntarō Tanikawa in Poeti giapponesi, a cura di M. T. Orsi e A. Clementi degli Albizzi, Einaudi, Torino 2020.

Read Full Post »


Mosaïque Magazine

Marco Bravura

Read Full Post »

How To Be a Poet (to remind myself) Make a place to sit down. Sit down. Be quiet. You must depend upon affection, reading, knowledge, skill—more of each than you have—inspiration, work, growing older, patience, for patience joins time to eternity. Any readers who like your work, doubt their judgment. Breathe with unconditional breath the…

Wendell Berry —

Read Full Post »

Older Posts »