Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘letteratura’ Category

Daniela Novello, pietra e piombo

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Sto in questo corpo di pane

e il coltello mi attraversa

a diminuirmi in un tozzo

che nessuno ingoia.

Sono crosta e bolle di lievito

Ogni giorno

Ogni giorno provo ad accomodarmi un senso.

Elisa Ruotolo, Corpo di pane, Nottetempo 2019.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Matteo Lucca, mani di pane

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Non lo sapevo
ma avevo come tutti
il mio punto di rottura
come i vetri
come la terracotta
come il ferro.
Incrinata sbreccata e fusa
cammino in questa stanza
coperta fino alle unghie.
Nessuno tranne te
può vedermi debole.

Elisa Ruotolo, Corpo di pane, Nottetempo 2019.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Matteo Lucca, ritratti di pane

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Chiedo che passi tutto: il male e l’amore
ogni compromissione tentata e negata
con la vita.
Insegnami la gioia del niente
la lingua oscura della terra
che parla dal grano
fammi essere antica come il fuoco
vulnerabile come il legno
e senza anima.
Aiutami a tenere a casa la stanchezza
a restare nascosta nei desideri
e nella fame.
In fine proteggi a lungo questa verità
– come l’orcio colmo quando hai sete –
che è violento e smisurato
l’amore dei timidi.

Elisa Ruotolo, Corpo di pane, Nottetempo 2019.

Daniela Novello, pietra e piombo

Read Full Post »

Raffaello Sanzio, Leone X con i cardinali Giulio de’ Medici e Luigi de’ Rossi, 1518, Galleria degli Uffizi, Firenze

Si riproduce qui la prima edizione a stampa (presso Giuseppe Comino in Padova, 1733) della ormai nota lettera redatta nel 1519 da Raffaello Sanzio e Baldassarre Castiglione e solo a quest’ultimo attribuita nella settecentesca bellissima edizione cominiana delle sue opere.

È un documento fondamentale di consapevolezza e tutela delle antichità in rovina, frutto maturo del Rinascimento di cui il grande urbinate fu la stella più luminosa, non a caso celebrato a cinquecento anni dalla morte da una sontuosa mostra presso le Scuderie del Quirinale. Imperdibile.

Read Full Post »

Shuntarō Tanikawa

Essere vivi

Essere vivi
essere vivi ora
vuol dire avere sete
essere abbagliati dal sole fra gli alberi
ricordare all’improvviso una melodia
starnutire
tenerti per mano

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire minigonna
un planetario
Johann Strauss
Picasso
le Alpi
vuol dire imbattersi in tutte le cose belle
e poi
essere attenti e opporsi al male che vi si nasconde

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire poter piangere
poter ridere
potersi arrabbiare
vuol dire libertà

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire un cane che abbaia in lontananza ora
la terra che sta girando ora
da qualche parte il primo vagito che si alza ora
da qualche parte un soldato ferito ora
è un’altelena che dondola ora
è l’ora che passa ora

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire il battito d’ali degli uccelli
vuol dire il fragore del mare
il lento procedere di una lumaca
vuol dire gente che ama
il tepore della tua mano
vuol dire vita

(1971)

Shuntarō Tanikawa in Poeti giapponesi, a cura di M. T. Orsi e A. Clementi degli Albizzi, Einaudi, Torino 2020.

Read Full Post »

How To Be a Poet (to remind myself) Make a place to sit down. Sit down. Be quiet. You must depend upon affection, reading, knowledge, skill—more of each than you have—inspiration, work, growing older, patience, for patience joins time to eternity. Any readers who like your work, doubt their judgment. Breathe with unconditional breath the…

Wendell Berry —

Read Full Post »

Alberto Arbasino (1930 – 2020)

Premessa. L’unica data che ogni anno costantemente tengo a celebrare su questo blog sin da quando è stato aperto nel 2010 è appunto il primo aprile. Quest’anno lo ricordo con alcune pagine di Alberto Arbasino (1930 -2020), occasione anche per rileggere questo lucidissimo maestro di stile recentemente scomparso.

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

“E la mondanità, cosa significava nella Milano dei tempi migliori? Informazioni internazionali, battute dialettali, gusto per il teatro e per l’editoria e per la musica, presa in giro dei pomposi e dei coglioni: c’è già tutto, del resto, nel Giorno dell’abate Parini, e in quelle sue descrizioni di ricevimenti (e di coglioni) che sono il vero antecedente di tutti i «lati deboli» milanesi. (Come in Carlo Dossi, del resto).
Il Conte Greppi che nelle pagine di Addio alle armi insegna a Hemingway e ai colleghi il cocktail-champagne al Grand Hotel di Stresa. E ridacchia sulla barzelletta del nuovo farmacista che
deve fare il turno di notte, e gli si presenta una bellona tutta nuda sotto la pelliccia che fremendo chiede un calmante, e lui le vende un collirio… Ma mentre si veste per pranzo, s’affaccia un
domestico, ha una brutta notizia… «Te mel diré duman». «Ma l’è mort el sú fradell!». «E te l’avevi ditt de dimel duman!». Poi alle esequie dell’amata consorte in San Babila, tra il conforto
degli amici del Clubino: «E inscì, anca incoeu, fra una robba e l’altra, emm fatt l’ura del risott».
Com’erano perplesse, la Camilla e sua sorella Luisa, quando le si trovarono più spiritose della vecchia mamma, la venerata Ersilia.”

Alberto Arbasino, Camilla Cederna in Ritratti italiani, Milano 2015, p.153.

“… La vecchia gentildonna che dà una volta all’anno una festa tutta di nobili e d’artisti: in un villinetto costruito nel 1912, però decorato come il Bargello, ma tutto piccino: corridoietti dove si passa uno per volta, armaturine, savonaroline, ferrini battuti alla Sem Benelli. E lì, fra dolcini rinseccoliti e grammofono a tromba, contesse, poetesse, discendenti di remoti anglo-beceri che
abitano dietro la stazione, tenori di novant’anni che cantano la romanza, e tutti: «meglio di Gigli! meglio di Gigli!». E due soprano antiche rivali facevano la Traviata a Pescia e la Manon a Monsummano: ma una delle due s’è sposata a Prato, è ricca, e mostra ogni volta le perle per indispettire l’altra che fa la maestra di canto; e tutte le volte la pianista pettinata corta ripete la sua battuta audace…
Pare un racconto di Palazzeschi!

… E il signor marchese che non dorme con la marchesa al piano nobile ma con l’autista al mezzanino; e si dicono delle cosine per tutta la notte. E si picchiano, magari, anche. Ma dopo
l’ultimo bacino all’alba l’autista se ne va, torna bussando con la colazione, e lo chiama «signor marchese» e non con i nomini per tutta la giornata…
Anche questo pare un racconto di Palazzeschi!
E – si domanda – quando sono successe queste delizie? Oggi, rispondono: continuano a succedere.

La deduzione più ragionevole: allora è la Realtà che imita Palazzeschi!

Ma in realtà, la ‘felicità’ di Palazzeschi consiste in un’estrema eleganza di rapporti fra la Letteratura e la Vita: un’organizzazione letteraria di straordinaria finezza risolta in una straordinaria (apparentemente) semplicità. Non so se altri abbia già osservato come sono ‘organizzate’ le sue storie: esattamente come l’apertura del Bouvard e Pécuchet, l’entrata-presentazione di due compari fintamente gaglioffi su una scena vuota e pronta per una clowneria che pare disposta a esaurirsi in due battute, e porta invece incredibilmente lontano.”

Alberto Arbasino, Aldo Palazzeschi in Ritratti italiani, Milano 2015, pp.357-358.

Read Full Post »

Older Posts »