Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘letteratura’ Category

Sandro Botticelli, Michele Marullo Tarcaniota, 1497 circa, Museo del Prado, Madrid

A che giova esser fuggito tante volte dalle catene e dal destino che mi attendeva? …La libertà è solo una vuota parola, e forse mi avrebbe giovato di più rimanere nella mia patria, pur dovendo servire un crudele tiranno. Perché è di conforto poter vedere le tombe e i monumenti dei padri, le memorie delle loro conquiste: e respirare l’aria della patria, finché uno ha ancora respiro. Assai meglio che non essere oggetto di scherno, in terra straniera.

Michele Marullo Tarcaniota (Costantinopoli 1453 – Volterra/fiume Cecina 1500), Epigramma per la patria perduta

Annunci

Read Full Post »

E così, in poco meno di un mese, ecco andarsene due poeti, veri, grandi, benché fra loro così differenti, il genio americano John Ashbery (1927-2017) e il friulano Pierluigi Cappello (1967-2017). Sono davvero dispiaciuto, specie per Cappello, sia per la giovane età sia perché nel 2012 avevo dato l’avvio all’iter per fargli assegnare il vitalizio previsto dalla legge Bacchelli, viste le condizioni fisiche di disabilità e di indigenza oggettive.

Certo, restano i libri di queste due grandi anime, i loro versi che ancora accompagneranno il mio cammino, come faranno anche stasera rileggendoli. Ne trascrivo qualcuno, pieno di commozione e gratitudine verso chi ha saputo parlarmi senza conoscermi. Addio, la terra vi sia lieve.

 

Settembre

Gli orli hanno la luce di settembre

come una bella mela le nuvole oggi

sono innocenti, senza rumore

anche le macchine passano

nel silenzio della tua testa

sei qui, come una cosa sottratta

in questa calma di non appartenere

la nuvola sottratta alla terra

il salto allo slancio, l’orma al suo piede

il corpo a ciò che precede.

Pierluigi Cappello, da Assetto di volo, Crocetti Editore, Milano 2012, p.159.

 

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

Paradoxes and Oxymorons

This poem is concerned with language on a very plain level.
Look at it talking to you. You look out a window
Or pretend to fidget. You have it but you don’t have it.
You miss it, it misses you. You miss each other.

The poem is sad because it wants to be yours, and cannot be.
What’s a plain level? It is that and other things,
Bringing a system of them into play. Play?
Well, actually, yes, but I consider play to be

A deeper outside thing, a dreamed role-pattern,
As in the division of grace these long August days
Without proof. Open-ended. And before you know it
It gets lost in the steam and chatter of typewriters.

It has been played once more. I think you exist only
To tease me into doing it, on your level, and then you aren’t there
Or have adopted a different attitude. And the poem
Has set me softly down beside you. The poem is you.


Paradossi e ossimori

Questa poesia si occupa del linguaggio a un livello alquanto piano.
Guardala che ti parla. Guardi da una finestra
o affetti irrequietezza. La sai ma non la sai.
Ti manca, la manchi, le manchi, ti manca. Vi mancate a vicenda.

La poesia è triste perché vuole essere tua, e non può.
Cos’è un livello piano? È quella cosa e altre,
e ne mette in gioco un sistema. Gioco?
Beh, di fatto, sì, ma io ritengo che il gioco sia

una più profonda cosa esterna, un modello di ruolo sognato,
come nella ripartizione della grazia queste lunghe giornate agostane
senza dimostrazione. A finale aperto. E prima che te ne accorga
si perde nel vapore e nel cicaleccio della macchina da scrivere.

È stata giocata un’altra volta. Penso tu esista solo
per tormentarmi a farlo, al tuo livello, e poi tu non ci sei
o hai adottato un atteggiamento diverso. E la poesia
mi ha deposto dolcemente accanto a te. La poesia è te.

John Ashbery, da Shadow Train (1981) in Un mondo che non può essere migliore. Poesie scelte 1956-2007, trad. D. Abeni e M. Egan, Luca Sossella Editore, Roma 2008, pp.148-149.

 

Read Full Post »

Lella Borghesi, Une rose pour ma mère

Sabato 9 settembre alle ore 18.00 la niArt Gallery di Felice Nittolo riprende l’attività espositiva con una doppia personale: Une rose pour ma mère – disegni di Lella Borghesi e L’Atelier de Man Ray – fotografe di Maxime Godard, con testi di Michel Butor (1926-2016).

Lella Borghesi presenta una serie di disegni dal tratto vivo e rapido con varianti improvvisate. Tracce di un gesto deciso su carta.

Michel Butor ispirato dal suo lavoro le ha scritto un testo Une rose pour ma mère evocando la stessa sua madre e lo ha dedicato a Elba Granaroli, madre dell’artista romagnola.

Maxime Godard, L’atelier de Man Ray

Maxime Godard dal 1983 al 1990 in compagnia di Lella Borghesi rende visite regolari a Juliet Man Ray nell’atelier del 2bis Rue Ferov, a Parigi, dove Juliet e Man Ray si erano installati al ritorno degli Stati Uniti nel 1951.

Dalla morte di Man Ray nel 1976, Juliet conserva intatto questo luogo di vita e di creazione, guardiana attenta veglia a che niente sia rimosso, neanche la polvere e in questo scenario Maxime Godard scatta foto, muovendosi quasi in punta di piedi, mostrando senza artificio e nei dettagli l’intensa presenza del luogo. Queste immagini sono state pubblicate accompagnate dai testi di Michel Butor in tre edizioni: Gnesi d’Marèla, 1985; Essegi, 1987; Dumerchez, 2002.

Lella Borghesi. Une rose pour ma mère – Maxime Godard. L’atelier de Man Ray

Testi Michel Butor

Inaugurazione: sabato 9 settembre ore 18.00

niArt, via Anastagi, 4a/648121 Ravenna

artgallery@alice.it  www.niart.it

Dal 10- 23 settembre 2017

Orari: martedì, mercoledì 11-12,30; giovedì, venerdì 17-19 sabato 11-12,30 // 17-19; oppure su appuntamento telefonando al 3382791174.

 

 

Read Full Post »

Auguro a tutti un’estate serena e un po’ più fresca! Vi saluto con Lucrezio, ci rivediamo a settembre.

Luca

 

Postremo quodvis frumentum non tamen omne

quidque suo genere inter se simile esse videbis,

quin intercurrat quaedam distantia formis.

Concharumque genus parili ratione videmus

pingere telluris grenium, qua mollibus undis

litoris incurvi bibulam pavit aequor harenam.

Quare etiam atque etiam simili ratione necessest,

natura quoniam constant, neque facta manu sunt

unius ad certam formam primordia rerum,

dissimili inter se quaedam volitare figura.

 

Tito Lucrezio Caro, De rerum natura, II 371-380

 

Se osserviamo la spiga di un cereale qualsiasi

ogni seme, a guardarlo, appare diverso dall’altro

e ogni specie dispone di forme diverse.

Né sono uguali fra loro le belle conchiglie

abbandonate sul lido alla carezza dell’onda

che torna a spianare la sabbia or ora increspata.

Ciò vale per tutte le parti che sono alla base

di quanto crea la natura: esse non sono pensate

come le opere umane, seguendo un solo modello,

ma vanno volando nel vuoto in molti aspetti diversi.

 

Read Full Post »

Non è la prima volta che acquisto e apprezzo le pubblicazioni Humboldt Books, la cui eleganza ne fa prodotti unici studiati e calzati nel dettaglio su ciascun tema e autore (ad esempio in Dreams di Gianfranco Baruchello e Michele Mari: la costa bianca fa la differenza).

Ritengo che con Ontani a Bali si siano superati: è perfetto. Dal colore di copertina, all’oro delle lettere, aprendo con le foto di Giovanna Silva in eco ghirriano nel Sud-est asiatico e ponendo il testo in fondo, dopo le immagini, inframmezzato dai di-segni del “mago” Ontani.

A proposito: lo scritto di Emanuele Trevi è un capolavoro di equilibrio e cultura e stile in levità (come le fiamme del rogo finale), in cui si amalgamano lirismo, osservazioni personali e psico-mitologiche e si comprende appieno, finalmente, la geniale unicità di Luigi Ontani meglio di tanti saggi di mestiere in cataloghi ego-riferiti e non vissuti, poiché narrando in prima persona degli ogoh ogoh balinesi, della cerimonia-festa-processione collettiva che li conduce dalla preparazione meticolosa alla loro distruzione spettacolare, mostra come “le prime storie, i grandi archetipi, si siano formate nelle mente dell’uomo: non come immagini credibili del mondo, governate dai principi della logica, ma come vortici di violenza e desiderio, allucinazioni, slittamenti imprevedibili del dopo nel prima, dell’umano nel bestiale, del bestiale nel cosmologico.” Volume bellissimo.

Read Full Post »

René Gruau (Rimini 1909 - Roma 2004)

René Gruau (Rimini 1909 – Roma 2004)

A Parigi, quartiere latino, una sera di quattro anni fa, in un bistrot vicino alla Sorbonne, io mia moglie mio figlio e a un tavolo, sul fondo del locale, lei, epifania d’eleganza in rosso come le sue labbra e tacchi scuri come i capelli in chignon, sola, davanti a un calice di bianco, una sfumatura d’ombretto ambrato e un accenno di rimmel, tranquilla, sul limite dei trent’anni nella sua bellezza sicura d’un fascino consapevole.

Un primo sguardo rapido, distratto forse. Poi conto e mancia, un’altra occhiata fugace a me e quasi impercettibile un sorriso leonardesco sulla commessura labiale sinistra, poi via. Senza necessità d’una parola. E tutto in pochissimi istanti. La perfezione.

 

Rarità, certamente, attimi (ma quali attimi!) come le Lontananze di Pupi Avati ne Il passadondolo a cura di Enrica Caretta alle pagine 27 e 28 (Torino 2012): “Le lontananze sono scambi di sguardi. Raffinate schermaglie amorose che cominciano e finiscono nella sala di un ristorante o di un caffè. Lui entra, la vede. Lei lo guarda; lui le fa capire che l’ha notata. Lei ricambia; rilancia. I due sanno che tra loro qualcosa è accaduto, e da quel momento si innesca un meccanismo che non ha più niente di innocente, niente di casuale, una partita che tra assenze e ritorni può durare l’intera esistenza. Casomai lei si alzasse e lui si azzardasse a seguirla, non ci sarebbe storia; lei di sicuro farebbe l’offesa. Nelle lontananze la regola è che non si va oltre. Si aprono e si chiudono lì, però sono esplicite, perfette per rendere la situazione assolutamente straordinaria. A un certo punto uno dei due lascia il locale, riprende posto accanto al partner e se ne va, sicuro della propria innocenza. Un’ipocrisia totale. Perché anche così si tradisce. Le lontananze sono adulteri tascabili, consumati all’istante  in uno spazio di totale impunità sentimentale.”

Read Full Post »

Effigie di Lorenzo Valla (Roma, 1407-1457)

Effigie di Lorenzo Valla (Roma, 1407-1457)

Ho esposto queste cose affinché tu, Catone, comprenda che non avresti dovuto accusare come barbari e selvaggi i costumi dei contadini. Ed ecco la chiusa di quei versi: “Fra loro la giustizia segnò le sue ultime impronte, quando abbandonò la terra”[1]. Infine tu definisci l’onestà (honestas) il sommo o l’unico bene, per poi dividerla nelle quattro virtù e azioni delle virtù. Nessuna virtù, infatti, è una nozione, ma è un’azione che mette in pratica una cosa prima conosciuta, come attesta Cicerone: “Tutta la lode della virtù consiste nell’azione”[2].

Su questo concordano praticamente tutti gli autori. Né Aristotele, né Virgilio trattano di queste virtù, allorché essi affrontano, a modo loro, la questione della contemplazione. Capita così che il bene proprio della vita contemplativa non si riferisca all’onestà, ma al piacere, come abbiamo ricordato in precedenza a proposito delle professioni, delle scienze e delle discipline.

Lorenzo Valla (Roma, 1407-1457), da De vero falsoque bono, Bari 1970. Questo dialogo filosofico ebbe quattro redazioni da parte di Valla: 1431, 1433, 1445-48 e una quarta definitiva, ma non databile con precisione, contenuta nel manoscritto Ott. Lat. 2075 della Biblioteca Vaticana.

[1] Virgilio, Georgica, II, 473-474.

[2] Cicerone, De officiis, I, 6, 19.

Read Full Post »

Older Posts »