Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘poesia’ Category

Daniela Novello, pietra e piombo

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Sto in questo corpo di pane

e il coltello mi attraversa

a diminuirmi in un tozzo

che nessuno ingoia.

Sono crosta e bolle di lievito

Ogni giorno

Ogni giorno provo ad accomodarmi un senso.

Elisa Ruotolo, Corpo di pane, Nottetempo 2019.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Matteo Lucca, mani di pane

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Non lo sapevo
ma avevo come tutti
il mio punto di rottura
come i vetri
come la terracotta
come il ferro.
Incrinata sbreccata e fusa
cammino in questa stanza
coperta fino alle unghie.
Nessuno tranne te
può vedermi debole.

Elisa Ruotolo, Corpo di pane, Nottetempo 2019.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Matteo Lucca, ritratti di pane

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Chiedo che passi tutto: il male e l’amore
ogni compromissione tentata e negata
con la vita.
Insegnami la gioia del niente
la lingua oscura della terra
che parla dal grano
fammi essere antica come il fuoco
vulnerabile come il legno
e senza anima.
Aiutami a tenere a casa la stanchezza
a restare nascosta nei desideri
e nella fame.
In fine proteggi a lungo questa verità
– come l’orcio colmo quando hai sete –
che è violento e smisurato
l’amore dei timidi.

Elisa Ruotolo, Corpo di pane, Nottetempo 2019.

Daniela Novello, pietra e piombo

Read Full Post »

Shuntarō Tanikawa

Essere vivi

Essere vivi
essere vivi ora
vuol dire avere sete
essere abbagliati dal sole fra gli alberi
ricordare all’improvviso una melodia
starnutire
tenerti per mano

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire minigonna
un planetario
Johann Strauss
Picasso
le Alpi
vuol dire imbattersi in tutte le cose belle
e poi
essere attenti e opporsi al male che vi si nasconde

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire poter piangere
poter ridere
potersi arrabbiare
vuol dire libertà

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire un cane che abbaia in lontananza ora
la terra che sta girando ora
da qualche parte il primo vagito che si alza ora
da qualche parte un soldato ferito ora
è un’altelena che dondola ora
è l’ora che passa ora

essere vivi
essere vivi ora
vuol dire il battito d’ali degli uccelli
vuol dire il fragore del mare
il lento procedere di una lumaca
vuol dire gente che ama
il tepore della tua mano
vuol dire vita

(1971)

Shuntarō Tanikawa in Poeti giapponesi, a cura di M. T. Orsi e A. Clementi degli Albizzi, Einaudi, Torino 2020.

Read Full Post »

How To Be a Poet (to remind myself) Make a place to sit down. Sit down. Be quiet. You must depend upon affection, reading, knowledge, skill—more of each than you have—inspiration, work, growing older, patience, for patience joins time to eternity. Any readers who like your work, doubt their judgment. Breathe with unconditional breath the…

Wendell Berry —

Read Full Post »

Mariangela Gualtieri

Premessa. Il 21 marzo 2010, a primavera, aprivo questo blog. Sono dunque compiuti dieci anni di parole e immagini con le quali mi affaccio al web. Il compleanno cade in un momento poco felice per l’Italia e per Bergamo, la mia Bergamo, in particolare.

In questa che è anche la Giornata Mondiale della Poesia, mi affido alla forza di Mariangela Gualtieri, alla sua poesia così necessaria e vera.

Un grande abbraccio a voi tutti, carico della nostalgia per il senso stesso dell’abbracciarsi. Luca

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Nove marzo duemilaventi di Mariangela Gualtieri

Questo ti voglio dire

ci dovevamo fermare.

Lo sapevamo. Lo sentivamo tutti

ch’era troppo furioso

il nostro fare. Stare dentro le cose.

Tutti fuori di noi.

Agitare ogni ora – farla fruttare.

Ci dovevamo fermare

e non ci riuscivamo.

Andava fatto insieme.

Rallentare la corsa.

Ma non ci riuscivamo.

Non c’era sforzo umano

che ci potesse bloccare.

E poiché questo

era desiderio tacito comune

come un inconscio volere –

forse la specie nostra ha ubbidito

slacciato le catene che tengono blindato

il nostro seme. Aperto

le fessure più segrete

e fatto entrare.

Forse per questo dopo c’è stato un salto

di specie – dal pipistrello a noi.

Qualcosa in noi ha voluto spalancare.

Forse, non so.

Adesso siamo a casa.

È portentoso quello che succede.

E c’è dell’oro, credo, in questo tempo strano.

Forse ci sono doni.

Pepite d’oro per noi. Se ci aiutiamo.

C’è un molto forte richiamo

della specie ora e come specie adesso

deve pensarsi ognuno. Un comune destino

ci tiene qui. Lo sapevamo. Ma non troppo bene.

O tutti quanti o nessuno.

È potente la terra. Viva per davvero.

Io la sento pensante d’un pensiero

che noi non conosciamo.

E quello che succede? Consideriamo

se non sia lei che muove.

Se la legge che tiene ben guidato

l’universo intero, se quanto accade mi chiedo

non sia piena espressione di quella legge

che governa anche noi – proprio come

ogni stella – ogni particella di cosmo.

Se la materia oscura fosse questo

tenersi insieme di tutto in un ardore

di vita, con la spazzina morte che viene

a equilibrare ogni specie.

Tenerla dentro la misura sua, al posto suo,

guidata. Non siamo noi

che abbiamo fatto il cielo.

Una voce imponente, senza parola

ci dice ora di stare a casa, come bambini

che l’hanno fatta grossa, senza sapere cosa,

e non avranno baci, non saranno abbracciati.

Ognuno dentro una frenata

che ci riporta indietro, forse nelle lentezze

delle antiche antenate, delle madri.

Guardare di più il cielo,

tingere d’ocra un morto. Fare per la prima volta

il pane. Guardare bene una faccia. Cantare

piano piano perché un bambino dorma. Per la prima volta

stringere con la mano un’altra mano

sentire forte l’intesa. Che siamo insieme.

Un organismo solo. Tutta la specie

la portiamo in noi. Dentro noi la salviamo.

A quella stretta

di un palmo col palmo di qualcuno

a quel semplice atto che ci è interdetto ora –

noi torneremo con una comprensione dilatata.

Saremo qui, più attenti credo. Più delicata

la nostra mano starà dentro il fare della vita.

Adesso lo sappiamo quanto è triste

stare lontani un metro.

Read Full Post »

 

Io come il ragno tesse

la sua tela traendola

da sé da sé ed essa

è per lui nido territorio e arma

e per altri la morte

così ciò che da me

proviene è solo altra forma del corpo

e della mente nella crescita

del puro delirio.

 

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

La morte non fa paura, non è niente

fa paura il morente.

 

Michele Ranchetti (1925-2008), Verbale,  Garzanti 2001.

 

Read Full Post »

Older Posts »