Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘eugène delacroix’

Paul Klee fotografato da Alexander Eliasberg, 1911

Paul Klee fotografato da Alexander Eliasberg, 1911

A Paul Klee (Münchenbuchsee, 18 dicembre 1879 – Muralto, 29 giugno 1940) non interessava l’esotico come incontro con un’alterità più pura e semplificata dalla soffocante stratificazione europea, come poteva essere stato per il Gauguin tahitiano e prima ancora per il Delacroix maghrebino.

A quasi 35 anni, dunque in età matura (del resto Van Gogh sbocciò e bruciò fra i 32 e i 37 anni), cercava una conferma identitaria,  la propria vocazione di pittore, dopo esser partito dalla pratica musicale, da figlio di due musicisti.

Non che prima non avesse provato a disegnare e dipingere, anzi. Dopo gli studi nell’Accademia di Monaco aveva anche contribuito nella stessa città a fondare nel 1911 Der Blaue Reiter– Il cavaliere azzurro, ovvero una delle principali avanguardie di inizio ‘900, con protagonisti assoluti quali Kandinskij, Franz Marc e August Macke, fra gli altri.

Solo che non aveva ancora trovato la propria voce. Era in cammino. La desiderava più d’ogni altra cosa. L’occasione capitò e lui la colse al volo. Anzi via mare, dacché un amico benestante e pittore dilettante, Louis Moilliet, propose di offrirgli un breve viaggio in Tunisia dal 6 al 19 aprile del fatale 1914. Con loro anche un altro sodale di vita e pittura, August Macke, che mai avrebbe previsto la propria fine sui campi della Grande Guerra il 26 settembre dello stesso anno.

Paul Klee, Veduta verso il porto di Hammamet, 1914

Paul Klee, Veduta verso il porto di Hammamet, 1914

Ma quel viaggio fu benedetto dalla luce del Mediterraneo e dal clima fresco, leggero, che rendeva piacevoli e scherzose le giornate dei tre viaggiatori e che rivelò Klee a se stesso in un crescendo d’illuminazioni di cui è data viva testimonianza nel Diario[1] dell’artista. Dal 7 aprile “in vista della costa della Sardegna” dove “i colori dell’acqua e dell’aria sono ancora più intensi oggi di ieri”, si passa al giorno dopo, a Tunisi, quando scrive: “La testa piena delle impressioni di ieri sera. Arte – Natura – Io. Mi metto subito all’opera e dipingo all’acquarello nel quartiere arabo. Affrontata la sintesi architettura edile – architettura del dipinto. In quella prima pittura, non ancora decantato ma ricco di stimoli, molto dello stato d’animo del viaggio e dell’entusiasmo provato. Appunto, il mio io. Esso diverrà più obiettivo più tardi, quando la bella nuvola sarà dispersa.”

Paul Klee, Case rosse e gialle a Tunisi, 1914

Paul Klee, Case rosse e gialle a Tunisi, 1914

E se “August è subito in vena”, Paul si ferma spesso, osserva, pensa. O resta semplicemente incantato. Così la domenica di Pasqua del 12 aprile a St. Germain, sempre vicino Tunisi: “Sera di un bello indescrivibile. Si leva poi anche la luna piena. Louis mi incita a ritrarre la scena. Gli rispondo che sarebbe tutt’al più un esercizio. È ovvio che di fronte a questa natura io sia incapace. Eppure so qualcosa più di prima. Avverto la distanza fra la mia incapacità e la natura. È un problema interiore, da risolversi nei prossimi anni.”

Paul Klee, Nelle case di St. Germain, 1914

Paul Klee, Nelle case di St. Germain, 1914

Sino a giovedì 16, giorno dell’autorivelazione che avrebbe per sempre cambiato la storia di Klee e quella dell’arte degli anni a venire: “Al mattino, dipinto fuori città; luce delicatamente diffusa, mite e limpida insieme. Non c’è nebbia. Qualche schizzo del paese. Una stupida guida si è interessata del lato comico. August gli ha insegnato qualche parola di tedesco, ma che parole!

Nel pomeriggio ci ha guidato alle moschee. Il sole picchia, su questo non c’è dubbio! (…) Un pomeriggio il cui colore era tanto delicato quanto nitido. Ora felice. Louis adocchia dolcetti colorati e mi spinge a dipingerli, visti che mi riesce bene.

Interrompo il lavoro. Un senso di conforto penetra profondo in me, mi sento sicuro, non provo stanchezza. Il colore mi possiede. Non ho bisogno di tentare di afferrarlo. Mi possiede per sempre, lo sento. Questo è il senso dell’ora felice: il colore e io siamo una cosa sola. Io sono pittore.”

Paul Klee, Cupole rosse e bianche, 1914

Paul Klee, Cupole rosse e bianche, 1914

 

www.zentrumpaulklee.org

 

[1] Tutte le citazioni sono tratte da Paul Klee – Viaggio in Tunisia, trad. A. Bandinelli, C. Ercolani, Viterbo 1991.

Annunci

Read Full Post »