Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘eugenio montale’

Jorge Guillén (Valladolid, 1893 – Malaga, 1984)

Jorge Guillén (Valladolid, 1893 – Malaga, 1984)

La vida, más feroz que toda muerte, J. Guillén

Y elementales fondos de planeta/ Fortifican un ámbito completo:/ Noche con nieve, luna y mi estupor, J. Guillén

A proposito di quanto scritto la settimana scorsa sull’importanza del tradurre-tradire poesia da parte dei poeti, caso emblematico è quello di Jorge Guillén (Valladolid, 1893 – Malaga, 1984), da noi purtroppo meno noto rispetto ai compatrioti Machado, García Lorca o all’amico Salinas.

Poeta per poeti è stato detto, quasi a volerlo confinare in una nicchia d’élite. Ma la poesia vuole essere letta, ha bisogno dei nostri occhi, di mani che la sfoglino, non esclude (il lusso è esclusivo, infatti “luxus” etimologicamente indica una sregolatezza, una stortura dal naturale corso delle cose, da cui lussazione, lussuria etc.), la poesia è anzi inclusiva e totalizzante, specie se il rapporto è a due, fra chi leggeascolta e la pagina leggera, solcata da versi più che stampati posati su essa, senza riempirla mai. La poesia non teme l’horror vacui.

E Guillén, poeta innamorato della vita, quand’anche dolente, ha sempre presente d’essere granello biologico fra miliardi di altri granelli vivi dell’istante esistente, sia pur’esso fatto di sassi o gas stellari.

Dunque poeta per poeti è accettabile solo se lo s’intende come nel bellissimo volume Amici così, per grazia di lettura (Donzelli, Roma 2013) curato da Camilla Zapponi, che ha qui riunito accanto ai testi originali (e come tali insuperabili) le rispettive traduzioni fatte da alcuni degli amici italiani di Guillén: Eugenio Montale, Leone Traverso, Margherita Guidacci, Piero Bigongiari, Mario Luzi, Nelo Risi, Andrea Zanzotto.

Questa raccolta invita all’incanto. Sedetevi. È tempo dedicato a voi stessi.

Jorge Guillén (Valladolid, 1893 – Malaga, 1984)

Jorge Guillén (Valladolid, 1893 – Malaga, 1984)

I giardini

Tempo in profondo; scende sui giardini.

Guarda come si posa. Ora s’affonda,

è tua l’anima sua. Che trasparenza

di sere unite insieme per l’eterno!

La tua infanzia, sì, favola di fonti.

 

Jorge Guillén (trad. di E. Montale), da Amici così, per grazia di lettura (Roma 2013)

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

da Presagio

(…) Le stelle insigni di lassù non guardano

la nostra notte che non ha segreti.

Resta tranquillo quel profondo buio.

 

L’oscura eternità non è già un drago

celeste! Le nostre anime conquistano

non viste una presenza tra le cose.

Jorge Guillén (trad. di E. Montale), da Amici così, per grazia di lettura (Roma 2013)

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Notte planetaria

 

Silenzio. Di tenebra?

 

In queste ore lentissime

solo nella notte rimane

a vibrare, un vuoto,

appena di esistenza

per chi, non riuscendo a prender sonno,

dal suo letto alla cieca

tasta l’oscurità

come intorno

polverosa pullulasse:

assedia l’udito

il suo sussurro al limite

della notte, della

sua nebbia di realtà

ora più che mai lieve

quando il fondo più fondo del deserto

si risolve in possibile

materia d’Infinito

e già quasi risuona

d’un nulla che gli è tutto.

 

Silenzio

             di pianeta

Jorge Guillén (trad. di P. Bigongiari), da Amici così, per grazia di lettura (Roma 2013)

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Tregua dell’inquietudine

 

Innamorati, dormono essi a pari

sopra le notti e notti d’abbandono

totale a quel destino che li lega.

 

Dormono. Ecco due sonni. In armonia.

Tessono quel silenzio serio a tono

con le stelle. Destino, e non domandano.

Jorge Guillén (trad. di L. Traverso), da Amici così, per grazia di lettura (Roma 2013)

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

da Vuoto

(…) Il tempo fugge via con altre nubi

Che si disfanno, torpide vaghezze

Di niente.

Ascoltami. Reggi al suo attrarre.

Jorge Guillén (trad. di N. Risi), da Amici così, per grazia di lettura (Roma 2013)

Annunci

Read Full Post »

Dino Campana (Marradi, 1875 – Castel Pulci, Firenze, 1932)

Come ogni anno da quarantanove a questa parte, durante le domeniche di ottobre a Marradi si svolge la Sagra delle Castagne in cui il gustoso frutto invernale si può trovare preparato in ogni modo possibile (specie in forma di dolci), un po’ come i gamberi del buon Bubba in Forrest Gump.

Marradi è un paesino dell’Appennino tosco-emiliano, provincia di Firenze, e ha dato i natali ad uno dei poeti più grandi e disgraziati del ‘900 italiano: Dino Campana (1885-1932).

Venendo dalla stazione, prima di traversare il ponte sul Lamone ed entrare nel centro cittadino vero e proprio, si incontra la casa dei Campana ancora di proprietà degli eredi, le figlie e i nipoti del fratello di Dino, Manlio. È facile immaginare il poeta in quell’abitazione mentre corregge con furia o scrive con altrettanta passione alcune delle sue pagine più belle.

Casa Campana a Marradi (FI)

Una delle due lapidi commemorative sulla facciata di Casa Campana a Marradi

La seconda lapide commemorativa coi versi del poeta sulla facciata di Casa Campana a Marradi

A questo proposito, è nota la vicenda del suo celebre e sfortunato libro di versi e prose liriche, Canti orfici: consegnato a Soffici e Papini presso la redazione fiorentina de Lacerba nel dicembre del 1913, il manoscritto (che si intitolava Il più lungo giorno) viene perduto in un trasloco dallo stesso Soffici e ritrovato solo nel 1971 (!) da sua figlia Valeria. Fu il poeta Mario Luzi a darne notizia ufficiale sul Corriere della Sera del 17 giugno di quell’anno.

Perché Campana andò nel capoluogo toscano per tentare se non il successo almeno il giusto riconoscimento letterario?

Ora bisogna sapere che la Firenze di inizio ‘900 era la vera capitale culturale d’Italia: basti elencare alcune delle riviste lì edite, La Voce di Prezzolini e l’altra sua avventura con Papini, il Leonardo, Il Marzocco dei fratelli Orvieto, Lacerba appunto di Soffici e Papini, e dal ’26 anche Solaria del Carocci, per non dire del mitico Caffè delle Giubbe Rosse nell’attuale Piazza della Repubblica, luogo d’incontro prediletto di moltissimi artisti e letterati del tempo, alcuni dei quali come Montale, Pratolini, Alfonso Gatto, Rosai, Papini, insieme al ministro fascista Bottai, parteciparono al funerale dello stesso Campana[1], morto il primo marzo del’32 di setticemia dopo un’agonia di ben sei ore per essersi ferito col filo spinato del muro del manicomio di Castel Pulci, da dove pare avesse cercato di fuggire e dove era rinchiuso sin dal gennaio del 1918, in seguito alla fine della burrascosa relazione con Sibilla Aleramo. Si erano incontrati nell’estate del ’16, quando scrive lei “eravamo due cose d’oro”, ma ben presto il loro rapporto prese una piega strana, quasi di fuga reciproca e a tratti disperata: significativo il loro epistolario, con le lettere sempre più deliranti di Campana sino al suo internamento definitivo.

Sibilla Aleramo (pseudonimo di Rina Faccio, Alessandria, 1876 – Roma, 1960)

Tornando agli Orfici, il poeta non si diede per vinto e, capita l’antifona già nei primi mesi del ’14 dopo aver invano richiesto la restituzione del manoscritto a Papini e Soffici, ricostruì il testo (sicuramente maledicendo i due distratti “sciacalli del cupolone fiorentino ” intenti come altri a fare le “le puttane sul palcoscenico alla serata futurista” del 12 dicembre del ’13 al Teatro Verdi e così dimenticandosi chissà dove i fogli campaniani ricevuti lo stesso fatale giorno). Ora, questa riscrizione non avvenne a memoria, come leggenda tramanda, ma probabilmente aiutandosi con appunti e note e brutte copie laddove Campana ne aveva serbate[2]. Certo, anche in questo caso, l’accaduto non deve aver giovato alla già instabile salute mentale del nostro, il cui primo ricovero in manicomio risale al 1906.

Così, grazie all’aiuto di qualche decina di paesani, nell’estate dello stesso ‘14 fa stampare il libro (in carta poverissima, in verità) col nuovo titolo Canto orfici dal tipografo marradese Bruno Ravagli, teoricamente, da contratto, in mille copie.

Palazzina già sede della tipografia Ravagli a Marradi (FI)

Lapide commemorativa della tipografia Ravagli dove fu stampata la prima edizione dei Canti orfici di Campana nel 1914

In realtà furono molte meno: Campana non aveva un soldo e Ravagli stampò solo qualche centinaio di copie, forse sei o settecento[3]: circa quattrocento le aveva prese il poeta negli anni tentando di venderle a Firenze o dove capitava. Le rimanenti, circa duecentodieci, le ritirò su sua richiesta il fratello Manlio direttamente dal tipografo e le depositò nella casa di famiglia a Marradi, dove furono poi bruciate da ignari soldati inglesi che avevano scelto quell’abitazione come rifugio durante l’inverno del ’44-’45, e che come ogni inverno marradese non deve essere uno scherzo.

Oggi per acquistare una delle poche copie sopravissute dell’edizione del ’14 occorrono non meno di seimila euro.

Fortunatamente è possibile leggere e conoscere l’opera di questo grande anche in edizioni economiche! E quella di Campana è lingua preziosissima, i cui echi dannunziani non illividiscono la sostanza tagliente e lucente dei versi (o delle prose), come di sassi di fiume levigati da secoli di acqua e luce feroci, benché spesso siano notturni i soggetti trattati. E mai manca in nessuna sillaba, in nessuna virgola la chimera più abbacinante di tutte, così spesso inseguita da Dino nei suoi anni giovanili in viaggi lontanissimi e irrequieti come la sua natura, dal Sud America al nord Europa sino a Odessa, e poi in lungo e largo per mezza Italia specie nel centro nord sino a murarsi vivo in manicomio: quella chimera ha nome libertà e la sua patria (ir)raggiungibile è nelle parole del poeta.

Barche amorrate

Le vele le vele le vele
Che schioccano e frustano al vento
Che gonfia di vane sequele
Le vele le vele le vele!
Che tesson e tesson: lamento
Volubil che l’onda che ammorza
Ne l’onda volubile smorza…
Ne l’ultimo schianto crudele…
Le vele le vele le vele

Dino Campana, da Canti orfici, Marradi 1914 (Roma 2002)

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Pace non cerco, guerra non sopporto
Tranquillo e solo vo pel mondo in sogno
Pieno di canti soffocati. Agogno
La nebbia ed il silenzio in un gran porto.

In un gran porto pien di vele lievi
Pronte a salpar per l’orizzonte azzurro
Dolci ondulando, mentre che il sussurro
Del vento passa con accordi brevi.

E quegli accordi il vento se li porta
Lontani sopra il mare sconosciuto.
Sogno. La vita è triste ed io son solo.

O quando o quando in un mattino ardente
L’anima mia si sveglierà nel sole
Nel sole eterno, libera e fremente?

Dino Campana, da Quaderno, in Campana, Opere e contributi, a cura di Enrico Falqui (Vallecchi editore, Firenze 1973)

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Io povero troviero di Parigi
Solo t’offro un bouquet di strofe tenui
Siimi benigno a ai vivi labbri ingenui
Ch’io so, tremulo scendi o bacio e ridi.

Dino Campana, da Taccuini, abbozzi e carte varie, I, in Campana, Opere e contributi, a cura di Enrico Falqui (Vallecchi editore, Firenze 1973) 

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

In un momento
Sono sfiorite le rose
I petali caduti
Perché io non potevo dimenticare le rose
Le cercavamo insieme
Abbiamo trovato delle rose
Erano le sue rose erano le mie rose
Questo viaggio chiamavamo amore
Col nostro sangue e colle nostre lagrime facevamo le rose


Che brillavano un momento al sole del mattino
Le abbiamo sfiorite sotto il sole tra i rovi
Le rose che non erano le nostre rose
Le mie rose le sue rose

P.S. E così dimenticammo le rose.

(per Sibilla Aleramo)

Dino Campana, da Taccuini, abbozzi e carte varie, I, in Campana, Opere e contributi, a cura di Enrico Falqui (Vallecchi editore, Firenze 1973)

 

Centro Studi Campaniani “Enrico Consolini” – Marradi  

 


[1] Le ossa del poeta dal ‘46 riposano sotto una semplice lastra presso la chiesa di San Salvatore a Badia a Settimo (Fi), dopo che la cappella che le ospitava nella stessa chiesa venne distrutta dal crollo del campanile soprastante, fatto saltare in aria dai tedeschi in fuga nel ’44. Va infine ricordata la loro prima sepoltura nel ‘32 presso il cimitero di San Colombano, sempre presso Badia a Settimo.

[2] Cfr. Giampiero Mughini, La collezione (Torino, 2009), in particolare pag. 54-68, Un libro fatto per essere bruciato, il bellissimo capitolo dedicato a Dino Campana.

[3]  Ibidem.

Read Full Post »

Lucio Piccolo (1901 -1969)

“Mi trovavo dinanzi al barone Lucio Piccolo di Calanovella, scrittore finora inedito, sì, ma anche musicista completo, studioso di filosofia che può leggere Husserl e Wittgenstein nei testi originali, grecista agguerrito, conoscitore di tutta la poesia europea vecchia e nuova, lettore per esempio, di Gerard Manley Hopkins e di Yeats, di cui condivide le inclinazioni esoteriche. Mi trovavo, insomma, di fronte a un clerc così dotto e consapevole che veramente l’idea di dovergli essere padrino mi metteva in un insormontabile imbarazzo. Lucio Piccolo ha letto tous les livres nella solitudine delle sue terre di Capo d’Orlando; ma non segue nessuna scuola.” Eugenio Montale, dalla Prefazione a Canti barocchi e altre liriche (Milano, 1956).

Queste parole, a distanza di oltre cinquant’anni sono ancora una presentazione ottima dei versi e della personalità di Lucio Piccolo (Palermo, 1901 – Capo d’Orlando, Messina, 1969), che nel piacere della meditazione e della solitudine (pare di vederlo passeggiare fra i suoi orti e uliveti oppure fermo, rivolto al mare ondoso, o, ancora, seduto nella sua biblioteca a sfogliare con lentezza un volume) condivideva col suo nobile e più noto cugino Tomasi di Lampedusa una cultura autenticamente europea e di respiro universale (che un brutto neologismo contemporaneo definirebbe pluridisciplinare), otium quanto mai distante dalla trombonesca quanto vacua saccenteria cattedratica italiana.

Gioacchino Lanza Tomasi, Lucio Piccolo e suo cugino Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Solo che, riprendendo Montale, non seguendo nessuna scuola, è rimasto pressoché ignorato dalle antologie e dagli insegnamenti ufficiali, uno splendido isolato da riscoprire dunque, sebbene non sia semplicissimo trovare in commercio le sue raccolte, rare e preziose, al più disponibili sul mercato antiquario e spesso edite con eleganza inconfondibile da quei benefattori della cultura italiana che sono stati gli Scheiwiller (Vanni in questo caso), cui doverosamente l’Università degli Studi di Milano ha dedicato un volume, I due Scheiwiller – Editoria e cultura nella Milano del Novecento (Milano 2009), avendo acquisito il loro impareggiabile archivio.

Pierre Bonnard, Sala da pranzo in campagna, 1913, The Minneapolis Institute of Arts, Minneapolis

Mobile universo di folate

di raggi, d’ore senza colore, di perenni

transiti, di sfarzo

di nubi: un attimo ed ecco mutate

splendono le forme, ondeggiano millenni.

E l’arco della porta bassa e il gradino liso

di troppi inverni, favola sono nell’improvviso

raggiare del sole di marzo.

Lucio Piccolo da Liriche in Antologia Poetica (All’insegna del pesce d’oro di Vanni Scheiwiller, Milano 1999)

I GIORNI

I giorni della luce fragile, i giorni

che restarono presi ad uno scrollo

fresco di rami, ad un incontro d’acque,

e la corrente li portò lontano,

di là dagli orizzonti, oltre il ricordo,

– la speranza era suono d’ogni voce,

e la cercammo

in dolci cavità di valli, in fonti –

oh non li richiamare, non li muovere,

anche il soffio più timido è violenza

che li frastorna, lascia

che posino nei limbi, è molto

se qualche falda d’oro ne traluce

o scende a un raggio su la trasparente

essenza che li tiene –

ma d’improvviso nell’oblio, sul buio

fondo ove le nostre ore discendono

leggero e immenso un subito risveglio

trascorrerà di palpiti di sole

sui muschi, su zampilli

che il vento frange, e sono

oltre le strade, oltre i ritorni ancora

i giorni della luce fragile, i giorni…

Lucio Piccolo da Gioco a nascondere in Antologia Poetica (All’insegna del pesce d’oro di Vanni Scheiwiller, Milano 1999)

Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella

Read Full Post »