Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘margherita guidacci’

Jorge Guillén (Valladolid, 1893 – Malaga, 1984)

Jorge Guillén (Valladolid, 1893 – Malaga, 1984)

La vida, más feroz que toda muerte, J. Guillén

Y elementales fondos de planeta/ Fortifican un ámbito completo:/ Noche con nieve, luna y mi estupor, J. Guillén

A proposito di quanto scritto la settimana scorsa sull’importanza del tradurre-tradire poesia da parte dei poeti, caso emblematico è quello di Jorge Guillén (Valladolid, 1893 – Malaga, 1984), da noi purtroppo meno noto rispetto ai compatrioti Machado, García Lorca o all’amico Salinas.

Poeta per poeti è stato detto, quasi a volerlo confinare in una nicchia d’élite. Ma la poesia vuole essere letta, ha bisogno dei nostri occhi, di mani che la sfoglino, non esclude (il lusso è esclusivo, infatti “luxus” etimologicamente indica una sregolatezza, una stortura dal naturale corso delle cose, da cui lussazione, lussuria etc.), la poesia è anzi inclusiva e totalizzante, specie se il rapporto è a due, fra chi leggeascolta e la pagina leggera, solcata da versi più che stampati posati su essa, senza riempirla mai. La poesia non teme l’horror vacui.

E Guillén, poeta innamorato della vita, quand’anche dolente, ha sempre presente d’essere granello biologico fra miliardi di altri granelli vivi dell’istante esistente, sia pur’esso fatto di sassi o gas stellari.

Dunque poeta per poeti è accettabile solo se lo s’intende come nel bellissimo volume Amici così, per grazia di lettura (Donzelli, Roma 2013) curato da Camilla Zapponi, che ha qui riunito accanto ai testi originali (e come tali insuperabili) le rispettive traduzioni fatte da alcuni degli amici italiani di Guillén: Eugenio Montale, Leone Traverso, Margherita Guidacci, Piero Bigongiari, Mario Luzi, Nelo Risi, Andrea Zanzotto.

Questa raccolta invita all’incanto. Sedetevi. È tempo dedicato a voi stessi.

Jorge Guillén (Valladolid, 1893 – Malaga, 1984)

Jorge Guillén (Valladolid, 1893 – Malaga, 1984)

I giardini

Tempo in profondo; scende sui giardini.

Guarda come si posa. Ora s’affonda,

è tua l’anima sua. Che trasparenza

di sere unite insieme per l’eterno!

La tua infanzia, sì, favola di fonti.

 

Jorge Guillén (trad. di E. Montale), da Amici così, per grazia di lettura (Roma 2013)

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

da Presagio

(…) Le stelle insigni di lassù non guardano

la nostra notte che non ha segreti.

Resta tranquillo quel profondo buio.

 

L’oscura eternità non è già un drago

celeste! Le nostre anime conquistano

non viste una presenza tra le cose.

Jorge Guillén (trad. di E. Montale), da Amici così, per grazia di lettura (Roma 2013)

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Notte planetaria

 

Silenzio. Di tenebra?

 

In queste ore lentissime

solo nella notte rimane

a vibrare, un vuoto,

appena di esistenza

per chi, non riuscendo a prender sonno,

dal suo letto alla cieca

tasta l’oscurità

come intorno

polverosa pullulasse:

assedia l’udito

il suo sussurro al limite

della notte, della

sua nebbia di realtà

ora più che mai lieve

quando il fondo più fondo del deserto

si risolve in possibile

materia d’Infinito

e già quasi risuona

d’un nulla che gli è tutto.

 

Silenzio

             di pianeta

Jorge Guillén (trad. di P. Bigongiari), da Amici così, per grazia di lettura (Roma 2013)

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Tregua dell’inquietudine

 

Innamorati, dormono essi a pari

sopra le notti e notti d’abbandono

totale a quel destino che li lega.

 

Dormono. Ecco due sonni. In armonia.

Tessono quel silenzio serio a tono

con le stelle. Destino, e non domandano.

Jorge Guillén (trad. di L. Traverso), da Amici così, per grazia di lettura (Roma 2013)

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

da Vuoto

(…) Il tempo fugge via con altre nubi

Che si disfanno, torpide vaghezze

Di niente.

Ascoltami. Reggi al suo attrarre.

Jorge Guillén (trad. di N. Risi), da Amici così, per grazia di lettura (Roma 2013)

Annunci

Read Full Post »