Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘ravennamosaico festival internazioanle di mosaico contemporaneo’

Verdiano Marzi, Le due gemelle, particolare dell'Attrice

Verdiano Marzi, Le due gemelle, particolare dell’Attrice (1)

Premessa: con questo titolo, Sentimenti con sostenuta luminosità, si inaugurava a Ravenna la personale di Verdiano Marzi all’interno del battistero degli Ariani in occasione del terzo Festival Internazionale del Mosaico Contemporaneo,  dal 12 ottobre al 23 novembre 2013.

Verdiano oltre a essere un artista da me molto amato è anche fra le persone più gentili che abbia avuto la fortuna di conoscere in questi anni: tempo fa mi ha chiesto di scrivere una presentazione da inserire nel catalogo collettivo del festival.

Qui sotto riporto tale testo, ahimè brevissimo per esigenze editoriali: vorrà dire che una volta tanto i miei lettori si rifaranno attraverso l’incanto delle opere fotografate da Alessandra Dragoni, veri brani poetico-musicali nati dagli occhi nelle mani sapienti di questo grande artista.

 

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Verdiano Marzi, Rêve

Verdiano Marzi, Rêve

 

“La missione dell’arte non è copiare la natura, ma esprimerla.” Balzac

 

Come un gioco di specchi coi volti sacri e senza tempo degli apostoli sulla volta del Battistero degli Ariani appaiono i dodici ritratti laici, maschili e femminili, del poeta di pietra Marzi: sorti all’opposto da ipocentri sotterranei, salgono come onde sismiche che al termine dei loro sostegni metallici e tortili deflagrano in rocce e colori, liberando un’energia liricamente dodecafonica nel costruire visi, identità semplici ma deformate, come anime che, aperte, si mostrano per la prima volta, e in cui pure si ricompone un’armonia nello straniamento contemporaneo, ponte (in)atteso di spiritualità sullo sfondo dei muri nudi e dei mosaici antichi. E come musica, il silenzio.

Verdiano Marzi, Contemplation e Le grand sommeil

Verdiano Marzi, Contemplation e Le grand sommeil

Verdiano Marzi, veduta d'insieme (1)

Verdiano Marzi, veduta d’insieme (1)

Verdiano Marzi, veduta d'insieme  (2)

Verdiano Marzi, veduta d’insieme (2)

Verdiano Marzi, Silence

Verdiano Marzi, Silence

Verdiano Marzi, Silence (2)

Verdiano Marzi, Silence (2)

Verdiano Marzi, Le due gemelle (Soprano e Attrice)

Verdiano Marzi, Le due gemelle (Soprano e Attrice)

Verdiano Marzi, Le due gemelle, Soprano

Verdiano Marzi, Le due gemelle, Soprano

Verdiano Marzi, Ironico ma non troppo

Verdiano Marzi, Ironico ma non troppo

Verdiano Marzi, Les Trois Adolescents

Verdiano Marzi, Les Trois Adolescents

Verdiano Marzi, Les Trois Adolescents (1)

Verdiano Marzi, Les Trois Adolescents (1)

Verdiano Marzi, Les Trois Adolescents (2)

Verdiano Marzi, Les Trois Adolescents (2)

Verdiano Marzi, Les Trois Adolescents (3)

Verdiano Marzi, Les Trois Adolescents (3)

Verdiano Marzi, Scivolo

Verdiano Marzi, Scivolo

Verdiano Marzi, Scivolo (particolare)

Verdiano Marzi, Scivolo (particolare)

Annunci

Read Full Post »

Mohamed Banawy, City 1, 2011 , 49×49 cm, clay, glass, cement

Mohamed Banawy (Egypt, 1977): what was your course of study, painting, sculpture? How did you come to discover the mosaic?

I was born in Al-Sharkia-Egypt in 1977. My father was an Art teacher in our country and he was a caricature artist as well. Since I was a child, I used to watch him while painting people and landscapes; this made my curiosity to use these pens and colors. Actually, he was my first teacher. I have joined the Faculty of the Fine Arts-Helwan University in 1995 and in my preliminary year in college, I have studied painting and sculpture and in my first two years, I have joined the Painting Section where I have learnt how to use oil painting , water and pastel colors through painting people and landscapes of the region of Old Egypt and some still life. Then I have joined the Section of the Mural Painting in my last two years and I have studied the Mural designs, Mosaic and Stained Glass. In this period, I was really fond of mosaic especially in my Graduation Project when I designed a huge work by mosaic that expressed the Great Egyptian Civilization. I had the Bachelor in Mural Art in 2000 with Excellency and was the top of my class, then I was appointed as a Lecturer in my Faculty in 2001.

In 2005, I have granted the Creativity State Prize (Rome Prize for Creativity) in mural painting specialized in fresco 2005. It is a prize that is given by the Egyptian Government for the innovative in the Artistic fields and it is the right to dwell in Rome-Italy for 15 months at the Egyptian Academy for Arts there. During this period, I knew a lot about the culture and The Italian Arts by visiting the famous museums in Rome, Florence, Venice, Pisa, Ravenna and etc.

In fact, this period was my real starting point to work in mosaic with new and different perspectives. Hence, I started to feel that as if I am playing with the mosaic parts; how to arrange, gather and separate them, thinking in their soft and scratchy textures, the light effects and many other artistic values.

Mohamed Banawy, Abstract 3, 2010, 80×80 cm, clay, glass

Clay, glaze fragments and especially stones cut in the shape of square, or mosaic pieces. I find your works very interesting and original, in particular the series “Abstract” and “City”, because they don’t want to be painting or sculpture but simply mosaic. They seem visions of territory taken from a distance, almost out of a plane. Can you explain your way of interpreting the mosaic?

The Mud is the secret of life and its eternity, being one of the basic elements of Creation… from Mud, not only Mankind is created, but everything is as well… When I am forming units of Mosaic Mud, I feel with warmth and as if I am a part and parcel of this great Universe; these units have the Great Egyptian Heritage.

Actually, I can see the whole world and feel it, once my eyes are falling on a huge mosaic panel, that was formed unconsciously, with no intention at all; in which all the creatures played a role. Two of these creatures are the Goodness that builds the cities and the Evil that destroys them. As when we build a house or implant a tree or when we have a demonstration, we do put a piece or some stones to form this huge panel. Same as when we destroy a house, we do participate in a particular change in its texture by applying some different tentacles and spaces that should happen as they are destined to be there. That’s why I see the world through a mosaic panel where its features are keep on changing since the Universe has been created and until Resurrection.

I am fond of high places so much and I am enjoying watching the cities from above or from an airplane. During my travelling, these shots and scenes that I used to watch above from a plane are stuck into my head. That was the main reason behind applying these epic scenes in my work. Also, most of these small crowded units that are spread besides or inside the big mosaic ones are always expressing the scenes of the overstock population in some poor districts that is found besides the classy ones. Every unit is in fact a person, a car, a house or a factory, etc.

There is a special technique that I am using in the Abstract Paintings which is emptying the stones and the ceramic that are looking very smooth and soft in order to substitute them by some scratchy stones; keeping in mind; inserting them with different drifts, colors and textures… In fact, I have inspired this technique from the architectural restoration that I have seen once in Pisa-Italy where they were restoring an entire house from the outside, with regard to keep some small spaces that can show the stones used in the process. These stones were really amazing especially when the sun light was falling on them.

Mohamed Banawy, Landscape 1, 2010, 80×80 cm , stone mosaic

During the International Festival of Contemporary Mosaic of Ravenna in 2009 and 2011, your work (a sculpture mosaic) was exhibited in 2009 and there were also other Egyptian artists, for example Nermine Al-Masry, Safaa Abd El Salam and Mona Magdi Kenawy: do you know them? Have you seen any ancient monument of Ravenna? Do you know any contemporary mosaic artist of this town?

Surely, I know those artists especially Nermeen Al-Masry (she is one of the teaching staff at my Faculty). In addition to the artist Mona Magdy Qenawy, whom I met during the Alexandria International Symposium for Sculpture in Natural Materials – Sculptural Mosaic. Also, the artists Ellen Goodwin, Manfrid Hoon and Mohamed Salem.

I had a visit to Ravenna that was back to 2006, but unfortunately, it was very short and I have visited Basilica di Sant’Apollinare Nuovo and San Vitale and Museo d’Arte della Città di Ravenna.

I could not meet the contemporary mosaic artists in Ravenna in person, but, definitely, I am tracking the contemporary mosaic movement through their work.

Mohamed Banawy, Still life 1, 2006, 60×120 cm, ceramics, porcelain, stone

Your country is in a time of great change. Do you think that all this can affect your work? What are your plans for the future?

My  work  Douar Misr (Tahrir Square) , it’s about the Egyptian Revolution in 25th January 2011, and about Tahrir Square, it shows the Egyptian attitude in the square, starting from its center along with their rush outside it to defend their rights.

I am trying to open new and updated areas for the non-traditional forms of mosaic surfaces, which based on a study of the artistic features and technical methods.

My artistic experiment is based on forming the traditional materials, using different rules and systems, in addition to create new forms of mosaic units and I would like to do a special exhibition in Ravenna soon.

Web site: www.banawy.com

Mosaic Art Now – Mohamed Banawy

Mohamed Banawy, Douar Misr (Tahrir Square), sculpture mosaic, 2011 , 200×200 cm, stone mosaic

Read Full Post »

Raffaella Ceccarossi, Tappeto, 2011

Raffaella Ceccarossi (Lanciano, Chieti, 1978): ti sei diplomata in Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti di Ravenna, dove hai deciso di continuare specializzandoti sul mosaico: prima di arrivare in questa città, era già nel tuo orizzonte creativo? E cosa ti ha mosso verso questo linguaggio, cosa cerchi in esso?

A Ravenna sono approdata  per fare altri studi,  il mosaico non era presente nei miei pensieri in quel periodo, però sicuramente c’era posto per l’arte: così  mi sono iscritta al corso di Decorazione, spinta dalla curiosità di sperimentare materiali e tecniche.

Il mio primo incontro con il mosaico è avvenuto già allora, quando  mi intrufolavo nel corso di “Storia del mosaico”,  affascinata dalla storia particolare di questo inusuale linguaggio artistico: dalla sua vita un po’ discontinua, dal suo perdere più volte identità nel corso dei secoli.

Sicuramente provo una specie di attrazione verso questo medium che unisce me e il mondo, attrazione legata probabilmente alla “terza dimensione” propria del mosaico stesso.  È un materiale resistente, forte, capace di essere mezzo espressivo già per gli antichi che trasformarono cocci, pietre, smalti con tagli man mano sempre più definiti, fino a raggiungere la forma cubica della tessera, che considero in sé una piccola scultura.

Mi sono avvicinata gradualmente: mi colpirono, dapprima, le opere dei mosaicisti ravennati e successivamente, al primo Festival Internazionale del Mosaico, quelle di artisti provenienti da tutto il mondo.

L’emozione  di un “mondo” che ho scoperto avere qualcosa in comune con il mio.

Ciò che mi spinge verso questo linguaggio, è sicuramente il fatto di poterlo ritrovare sotto altre sembianze nel contemporaneo, per esempio nella frammentarietà della nostra identità e la sua  possibile decostruzione: ogni giorno aggiungiamo una tessera di vita al disegno della nostra persona, per cui siamo la nostra città, la politica del nostro Paese, le persone che ci stanno accanto, siamo la musica che ascoltiamo, le letture che facciamo, i viaggi che intraprendiamo. Noi stessi siamo un mosaico.

Raffaella Ceccarossi, Angelo, 2011

Nella mostra Frammentamenti, lo scorso ottobre a Ravenna, ho visto alcune tue opere, diverse fra loro, benché accomunate da natura musiva: uno scrigno per preziosi, un mosaico da parete e un’installazione assai suggestiva sul pavimento della sala espositiva, con una vera e propria deflagrazione delle tessere, via via sempre più piccole sino alla polvere: vorrei che parlassi della tua “visione musiva” in riferimento a questi come ad altri lavori e della tua poetica più in generale.

La mia visione musiva  è il risultato di molteplici stimoli, che prendono origine dall’ammirazione per vari mosaicisti ravennati, e, sicuramente, anche dalla sequenza finale del film Zabriskie Point di Michelangelo Antonioni. La spettacolare scena cinematografica di un’esplosione, di grande impatto visivo ed emotivo, della quale, ciò che più mi interessa, è il deposito di questi frammenti, dove sono andati a posarsi.

Sono solo all’inizio del mio percorso,  ma credo che le opere  L’Angelo e Il Tappeto vadano in questa direzione, soprattutto nella  “deflagrazione” che si avverte  particolarmente  nel secondo dei due.

Questo approccio penso sia  mosso dal senso di inconsistenza  e di instabilità che sento circondarmi, come se tutte le certezze si fossero  dissolte e si fossero smaterializzate, trasformate appunto in qualcosa di impalpabile.

Il mosaico è per me un linguaggio che, meglio di altri, oggi riesce a comunicare quel senso di incompletezza e di frammentazione che caratterizza la nostra epoca.

Mi ritrovo a dire: «Frammentare fin quanto è  possibile, la materia, l’immagine, il credo», perché penso che sia ciò che mi sta accadendo intorno, tutto sta perdendo di densità.

Nello stesso contesto,  l’idea  dello scrigno nasce da una riflessione  sul mondo antico  e su come è cambiato il concetto di sacro.

Istintivamente ho intuito una connessione tra un luogo spirituale, quale il mausoleo di Galla Placidia  (che in sé è uno scrigno contenente un universo mistico fatto di luce, simboli, immagini, colori che parlano di un “altro mondo”) e  il  mondo “spirituale” che viviamo noi nella quotidianità.

Non guardiamo più la luce del cielo, della volta stellata, ma il nostro sguardo si è spostato dall’alto verso il basso, in una dimensione non più intima, divina, ma in quella di una Scatola di tesori senza ori, che brilla di un oro fatto di cartone e di un’identità che non trova altro modo di esprimersi se non  attraverso la ripetizione di un logo.

Raffaella Ceccarossi, Spine dorsali, 2010

Infine, progetti futuri a breve o a lungo termine?

Sì, sicuramente continuare la mia ricerca musiva, aprirmi a collaborazioni con architetti per la realizzazione di opere da installare in centri urbani o da inserire nel paesaggio naturale.

E sicuramente altri progetti che incontrerò seguendo il mio percorso artistico.

Info e contatti: raffaellaceccarossi@gmail.com

Raffaella Ceccarossi, Scatola di tesori senza ori, 2011

Read Full Post »

Accademia di Belle Arti di Ravenna, facciata e ingresso principale presso Via delle Industrie, 76

Maria Rita Bentini (Ravenna, 1959): sei stata coordinatrice didattica dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna dal 2008 sino all’ottobre 2011. La maggior parte dei giovani artisti che sto intervistando per questa rubrica, di provenienza nazionale ed estera, sono usciti da questa Accademia, scelta proprio per specializzarsi sul mosaico, con un’offerta didattica ormai riconosciuta anche a livello internazionale.

A questo proposito, ti chiedo di tracciare un bilancio generale di questo triennio, di ciò che è stato fatto e di cosa si potrebbe, anzi, si dovrebbe ancora fare.

Piuttosto che un bilancio mi piacerebbe far scorrere rapidamente, a memoria, le immagini di quanto accaduto in questi tre anni così intensi di esperienza. Partendo da una considerazione precedente a questo mio impegno.

Vivevo a Ravenna (anche continuando a insegnare all’Accademia di Bologna) e in città prendevo parte attiva alla vita della ricerca artistica contemporanea: mostre, incontri, progetti. Ma registravo di frequente che l’Accademia non c’era. Sì, qualche volta se ne parlava, ma era come se fosse confinata ai margini della vita culturale della città. Molti ravennati frequentavano l’Accademia a Bologna, o continuavano gli studi artistici a Milano, a Venezia. Dopo gli anni di D’Augusta e di Dragomirescu, non vedevo segni della sua presenza in città, e non soltanto perché era stata trasferita la sede dalla Loggetta Lombardesca in via delle Industrie.

Sono arrivata dopo mesi in cui si diceva: “l’Accademia di Ravenna chiude”. Il Comune di Ravenna aveva deciso di fare un accordo con l’Accademia di Bologna che prevedeva una collaborazione tra le due Accademie e la scelta di concentrare l’’offerta formativa sul mosaico contemporaneo. Non mi ero mai particolarmente interessata né all’Accademia di Ravenna, né al mosaico contemporaneo. Quando avevo curato mostre come la personale di Leonardo Pivi nel 2005 per il Museo d’Arte della Città, il progetto non era partito dal mosaico ma dai linguaggi contemporanei, dalla loro ibridazione – Pivi con la Lara Croft e gli altri personaggi virtuali del suo immaginario era un perfetto outsider del mosaico ravennate -, anche se poi ne era uscita una mostra bellissima (di mosaici) che sorprese.

A metà novembre 2008, il Direttore chiese a me e ad alcuni docenti ravennati a Bologna  di lavorare anche a Ravenna e di scommettere su un rilancio dell’Accademia. Conoscevo l’assessore Stamboulis e la sua competenza perché da anni collaboravo con RAM, il concorso dei giovani artisti ravennati del circuito nazionale G.A.I., stimavo i colleghi (Babini, Cucchiaro, Nicosia e gli altri), così ho accettato questa sfida.

Frame video di Marisa Monaco, supervisione di Yuri Ancarani

Come coordinatrice ho subito messo le mie energie con quelle di chi voleva che l’Accademia di Ravenna ripartisse, c’erano anche nuovi docenti come Dusciana Bravura, Sabina Ghinassi, Felice Nittolo. Molti i problemi e le cose da fare, ma tante le idee nuove. Bisognava riformulare i vecchi piani di studi sperimentali, anche il Corso di Mosaico avrebbe chiuso se non si adeguava. Poi, perché non affiancare al Mosaico le nuove tecnologie? Così è comparso il corso di New Media, con Yuri Ancarani. E Fotografia, con Guido Guidi, doveva restare. Tra i nuovi docenti sono arrivati Daniele Torcellini, l’arch. Antonio Troisi, Alessandra Andrini, Viola Giacometti.

Per la prima mostra di fine anno intitolata Oralities ci siamo uniti a un progetto europeo della città e a un evento bellissimo come il Festival delle Culture, poi ci sono state le rassegne che hanno presentato le novità più belle del mosaico dell’Accademia nella cornice di RavennaMosaico: Doppio gioco, Life is Mosaic! E infine Avvistamenti, che si è chiusa da poco. Ma era necessario valorizzare l’Accademia anche a livello nazionale, così abbiamo partecipato al Premio delle Arti: i giovani artisti da Ravenna sono stati subito selezionati e Silvia Naddeo, lo scorso anno, ha vinto il Primo premio per la Decorazione con la sua “carotona” (l’opera Eat meat, 2009, n.d.r.) a mosaico. Una bella soddisfazione, anche perché la commissione era davvero di alto profilo, presieduta da Anna Mattirolo, Direttrice del MAXXI Arte, e con Laura Cherubini tra i componenti. Quest’anno alla Biennale di Venezia c’era un evento speciale del Padiglione Italia dedicato ai giovani artisti di talento usciti dalle Accademie italiane: ecco, abbiamo partecipato, e anche dall’Accademia di Ravenna sono stati selezionati due artisti.

Peter Greenway al Teatro Alighieri di Ravenna, 24.11.2009

Poi gli eventi e i progetti particolari: Peter Greenaway al Teatro Alighieri, con un pubblico straordinario, per la lectio magistralis all’apertura dell’anno accademico 2009-2010, la presentazione del volume dedicato ai centottant’anni dell’Accademia un anno fa  (allora il nostro testimonial-ex allievo fu Giuseppe Tagliavini, premio Oscar effetti speciali di Avatar). La giornata per Albe Steiner – grazie a Massimo Casamenti! -, il designer che con la sua cultura del progetto ha influenzato anche molti creativi del territorio, con la bellissima testimonianza della figlia Anna e il film che documentava la sua avventura di uomo e di artista. Eventi aperti a tutta la città che hanno cominciato a fare sentire che l’Accademia c’è e che la sua presenza rende più attiva e giovane la vita culturale di Ravenna.

Draghiland, 23.10.2011

Il murales dedicato alla Poderosa, presentato al pubblico prima di essere spedito a Cuba, Draghiland che stava benissimo nel giardino del Complesso residenziale La Compagnia di san Giorgio a cui gli allievi avevano lavorato per tutta un’estate, i preziosi  totem musivi per il Sistema Museale della Provincia. E altro ancora accanto al Mosaico, perché in Accademia ci sono tanti altri corsi come Pittura, Decorazione, Plastica ornamentale, Incisione. Penso alla collaborazione dell’Accademia con il Premio OPERA/Fabbrica, un concorso a tema per giovani artisti promosso dalla CGIL. O all’etichetta del vino M.O.M.A. che, dopo essere stata dedicata a Morandi, è ora quella di un’allieva dell’Accademia di Ravenna, il cui progetto è stato scelto prima da una commissione presieduta dal Direttore del MAMbo, poi votato on-line come il migliore.

Totem musivi per il Sistema Museale della Provincia di Ravenna, 2011

C’è stata la mostra Elogio della mano al Mar, disegni anatomici provenienti dall’Accademia di san Pietroburgo, per coltivare un nuovo rapporto internazionale. E l’incontro con le realtà teatrali: Chiara Lagani (Fanny & Alexander), Motus, Kinkaleri, Edoardo Sanchi (sono sue le scene dell’Avaro delle Albe). Ne è nata la mostra di fine anno 2010 insieme a “Ravenna viso in aria”, in un week end di full immersion con le energie delle realtà teatrali del territorio. Nella stessa primavera, in collaborazione con il Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’arte dell’Accademia di Bologna diretto da Cristina Francucci, abbiamo promosso un ciclo di cinque conferenze dedicate al tema arte-museo-scuola che si sono svolte al Mar: sono state presentate esperienze molto innovative come quella della sezione didattica del Castello di Rivoli a Torino, del Palazzo delle Esposizioni a Roma, del MAMbo a Bologna, offrendo coordinate nuove alla didattica dell’arte di cui ha tanto bisogno questa città.

L’ultima slide che ho in mente è per il Premio Tesi. Ho subito pensato a un Premio per individuare gli allievi più promettenti ma soprattutto per dare a loro la possibilità di crescere, “fuori”. Così lo abbiamo chiamato Starting Point!   Il primo anno alla Ninapì, poi al Museo Carlo Zauli di Faenza e infine al Palazzo della Provincia ravennate, Cripta e Giardini pensili: una mostra come premio, ma anche qualcosa di più. Piuttosto che i docenti ho voluto dei giovani critici all’opera, che hanno selezionato e presentato i giovani artisti vincitori.  È stato un contatto che ha fatto scaturire molte nuove aperture. La rivista Solo Mosaico ha arricchito questo premio con una residenza a San Pietroburgo e Mosca, dando al migliore del Mosaico un’ottima possibilità di sviluppare un proprio progetto per cominciare a prendere il volo.

Premio Tesi 2010, assegnazione del Premio Solo Mosaico (sulla destra si riconoscono Roberta Grasso e Silvia Naddeo)

Ecco, sì, sono nati nuovi talenti. Grazie all’esperienza didattica di tanti docenti dell’Accademia, ma anche (credo) dalle stimolanti occasioni create in questi tre anni.

Pensa che al Premio Giovani Artisti e Mosaico promosso quest’anno dal Museo d’arte della Città, tra i dieci selezionati in mostra ben quattro venivano dall’Accademia, e la vincitrice (per l’opera che ha utilizzato il mosaico in modo non convenzionale) è stata Samantha Holmes: un anno fa era venuta da New York in Accademia proprio per imparare il mosaico.

Quello che si potrebbe ancora fare? Meglio dirti quello che NON si dovrebbe fare: tornare indietro.

Settembre 2011: prima dell’inizio del nuovo anno accademico 2011-2012 hai deciso di non rinnovare la disponibilità del tuo incarico: una rinuncia o una presa di posizione? Quali ragioni ti hanno portata a questa scelta?

Chi mi conosce sa che quest’ultimo anno, in particolare, è stato durissimo. Non dico che gli anni precedenti siano stati una passeggiata, specie per contrastare la logica di chi, dalla logica del “tanto peggio tanto meglio”, cerca di ottenere alcuni vantaggi . Ma la ragione di questa scelta è molto semplice. Nell’esperienza fatta ho visto molte potenzialità e molti limiti, diciamo ostacoli, che hanno “bruciato” molte, troppe energie.

Per me queste potenzialità devono essere aiutate sia incrementando la qualità dei percorsi legati al Mosaico, sia formulando qualche nuova ipotesi. Accanto al Mosaico l’Accademia dovrebbe offrire spazio ad altre esperienze e linguaggi, in particolare coinvolgendo realtà molto vive nel territorio, come il teatro contemporaneo, la fotografia. Non parlo solo di nuove risorse necessarie, ma di andare più chiaramente in una certa direzione. Quando i soldi sono pochi bisogna sempre usarli con più intelligenza. Lasciare andare le cose senza fare buone scelte, non porta da nessuna parte, anzi.

Accademia Belle Arti Ravenna Centottant'anni, Longo Editore Ravenna, 2010

In tutti questi mesi mi sono chiesta e ho chiesto con insistenza: Quale visione dell’Accademia? Quale l’importanza nel sistema del contemporaneo della città e in Romagna dell’Accademia?

Per me dalla risposta a queste domande dipende il futuro di questa Istituzione. Piccola ma importante perché legata al territorio, anche se in stretto rapporto con l’Accademia di Bologna. Importante per il Mosaico, visto che ormai l’Istituto d’arte Severini è divenuto Liceo, perdendo la sua specificità, e che dunque l’Accademia resta l’unico luogo di  formazione  legato al Mosaico. Importante se Ravenna vuole crescere davvero nella sua dimensione contemporanea verso la Candidatura a Capitale europea della Cultura nel 2019.

Silvia Naddeo, QrCode Ravenna 2019

Perché, infine, tanto sostegno  all’Università, tanta attenzione alla sua qualità, e non all’Accademia?

Ho visto l’assenza di scelte, l’Accademia completamente in mano a funzionari le cui azioni hanno davvero poco a che fare con la realtà dell’arte contemporanea. D’altra parte il fatto stesso di essere molto attivi, di impegnarsi per cercare di cambiare la stagnazione, com’è accaduto in questi tre anni a me e ai miei colleghi, apre molti canali di stima e buone collaborazioni all’esterno, ma può provocare effetti collaterali.

Ho esposto queste mie considerazioni a Bologna, tutte ascoltate e raccolte mentre lo stesso mio incarico è stato poi assegnato a Maurizio Nicosia, spero che la verifica in corso questi mesi porti a una svolta positiva. A Ravenna continuo a insegnare Storia dell’Arte contemporanea e a seguire con attenzione come l’Accademia viene gestita. Ora, per esempio, mi preoccupano le scelte che hanno riguardato il Biennio: se non si cura bene l’offerta formativa, che diranno i numerosi nuovi iscritti? La migliore pubblicità di una scuola è il buon andamento delle cose, per questo l’Accademia deve essere curata bene.  Intanto non vedo più tra i docenti Dusciana Bravura, Yuri Ancarani, Daniele Torcellini e Piercarlo Ricci, docente di 3D, che in Accademia ha fatto un gran lavoro anche allestendo un’ottima aula multimediale. Non si può perdere tempo, così si rischia di cancellare ogni buona novità.

Infine, una domanda alla storica e alla critica d’arte Bentini: nella diluizione artistica e identitaria contemporanea, cosa è il mosaico oggi, quale ruolo ha? E quale il suo futuro, pur sapendo che come ogni arte da sé va crescendo e si va regolando o negando?

Ho già avuto modo, negli ultimi mesi, di esprimermi pubblicamente su questi punti.

Kaori Katoh, Fioritura, 2010

Il mosaico deve essere sdoganato, nella visione di chi lo pratica e anche di chi lo promuove, come un linguaggio visivo, uno dei molti praticati oggi dagli artisti. E come ogni linguaggio anche il mosaico cresce, prolifera, si contamina, divenendo uno strumento ricco di possibilità per gli artisti. Surplus di materia, luce-colore, frammentazione-ricomposizione, lentezza esecutiva, sono aspetti costitutivi del mosaico.  Antichi e up-to date. Ma ad una condizione. La tecnica (penso al mosaico ravennate) deve essere tramandata, ma al tempo stesso deve essere attaccata da visioni sperimentali, che nascono da sguardi e da attitudini “esterne” appartenenti alle estetiche contemporanee. La “diluizione” artistica oggi è il flusso inarrestabile di immagini che non trova alcun argine nelle categorie tradizionali, viviamo una mutazione dell’immaginario collettivo data dalle nuove tecnologie. Su questo occorre prendere posizione (Bauman stesso, che ha parlato di modernità liquida, ce lo ha ricordato proprio in questi giorni a Ravenna, sottolineando il ruolo del “locale”), ma le coordinate identitarie contemporanee si  ridefiniscono sempre più in tal senso. Senza queste aperture  il mosaico si trasforma in un esercizio di stile altamente artigianale, magari protetto in un piccolo angolo del mondo, Ravenna.

Da dieci anni ormai a Faenza si fanno esperienze che hanno trasformato la ceramica in un terreno molto fecondo di esperienze contemporanee. Mi ricordo bene dell’opera di Sislej Xhafa, arrivato a Faenza per una residenza d’artista al Museo Carlo Zauli: si era appropriato della materia, per lui nuova, passando in ceramica la mail con la quale era stato invitato a fare quell’esperienza. In quel passaggio c’era tutta la densità di un incontro, di un nuovo punto di vista. È stato salutare anche il progetto che hai di recente curato insieme a Torcellini: l’Equazione impossibile genera nuovi pensieri, dunque nuove pratiche. La performance sonora di Malatesta che ha tradotto il mosaico dei CaCO3, a sua volta in dialogo con lo spazio del Battistero degli Ariani, le immagini ieratiche e il fulgore degli ori della cupola del VI secolo, è  in tal senso un’esperienza bellissima.

Penso che il ruolo dell’Accademia a questo proposito potrebbe essere molto importante, ma, come dicevo prima, in questa città bisogna fare buone scelte.

Bric-à-Brac accademiaravenna.net – Il blog dell’Accademia di Ravenna

Accademia di Belle Arti di Ravenna

Maria Rita Bentini alla Biennale di Venezia del 2007

Read Full Post »

Andrea Sala, Inconscio collettivo, 2011

Andrea Sala (Angera, Varese, 1986): ti sei formato diplomandoti presso la Nuova Accademia di Belle Arti “N.A.B.A.” di Milano, in particolare nel corso di Graphic Design & Art Director, sei dunque un esperto di grafica digitale con tutto ciò che questo comporta in termini di velocità e virtualità. Poi hai deciso di cambiare rotta e ti sei iscritto all’Accademia di Belle Arti di Ravenna, corso di Mosaico, arte che richiede silenzio, tempi lunghi, manualità, materia: cosa volevi scoprire con essa? Hai trovato punti di incontro con la tua precedente esperienza?

Proprio così: ho trascorso quattro anni intensi e stimolanti a Milano, a studiare il mondo della grafica e della comunicazione in un ambiente frenetico e competitivo, troppo poco sensibile e poetico per la mia emotività. Appena terminati gli studi del corso triennale, ho dovuto fare una pausa e scollegarmi da tutto ciò che mi circondava per riprendere contatto con me stesso.

Così nell’estate del 2009 misono trasferito per un mese in un piccolo ecovillaggio a 1400 metri sui monti della Val Leventina in Svizzera. Un luogo meraviglioso raggiungibile solo dopo un ora e mezza di cammino. Qui ero lontano da tutto ciò che era urbano; ho accantonato il mio portatile e ho ri-iniziato a usare le mie mani per lavorare nell’orto, tagliare la legna e in tutto ciò che consiste una vita semplice e dura. Giorno dopo giorno sentivo che una parte di me si stava riscoprendo e stava trovando il suo equilibrio attraverso il silenzio, i ritmi lentissimi e il lavoro fisico. È stato come compensare tutto ciò che in quattro anni la città di Milano non mi aveva dato.

Poi è arrivato settembre e una volta sceso dai monti ho dovuto rimettere in discussione la mia vita. Volevo continuare a studiare nel campo dell’arte e ho scoperto per caso il corso di Mosaico presso l’Accademia di Ravenna, così sono andato subito a visitarla e ho trovato un luogo affascinante nel quale ho potuto ritrovare un ritmo coinvolgente, stimolante e dove finalmente ho avuto l’opportunità di esprimere me stesso e tutto il caos che avevo dentro attraverso una ricerca materica. I processi creativi erano simili a quelli che avevo già affrontato negli studi della grafica pubblicitaria, ma il tutto animato da libertà e ricerca interiore e personale. Questa volta non dovevo più pensare a come pubblicizzare un determinato prodotto, ma semplicemente ho iniziato a dare forma e immagine al mio modo di sentire l’esterno. Ho capito che il mio unico vero futuro era ri-imparare da capo.

Andrea Sala, Inconscio collettivo (particolare), 2011

Ho visto alcuni tuoi lavori lo scorso ottobre nella mostra Frammentamenti e ultimamente ai Chiostri francescani, sempre a Ravenna, nella saletta dedicata alla collettiva dell’Accademia Avvistamenti, fra i percorsi del festival biennale internazionale RavennaMosaico, ho trovato notevole il tuo Inconscio collettivo, lavoro povero, in quanto a materiali, e complesso a un tempo, in cui ciascuna delle 683 tessere sospese in un reticolo ha valore di 100.000 persone (benché ormai siamo diventati 7 miliardi su questo pianeta) e, a seconda dei continenti, alcune erano più grezze, corrispondenti ai paesi più poveri, altre più lavorate e definite, corrispondenti al nostro occidente, con l’unica eccezione della tessera nera con inserto d’oro, ovvero Israele (che a me ha ricordato la Gerusalemme un po’ mitica delle mappe medievali). 

Altri artisti mosaicisti come Valérie Colombel lavorano sulla sospensione degli elementi, sebbene per ottenere forme precise, mentre queste tue opere mi hanno fatto pensare a un’eco dell’aritmismo di Nittolo ma in terza dimensione, con le tessere finalmente libere nell’aria, e si potrebbero citare numerosi altri casi di artisti che giocano “sul filo” delle cose.

Cosa ti ha spinto verso queste soluzioni? E più in generale ti chiedo di parlare della tua poetica.

La mia ricerca artistica relativa ai lavori dove utilizzo delle tessere legate tra di loro è nata dalla necessità di esplorare le infinite relazioni e legami tra le persone.

Legando insieme tessere attraverso l’uso di fili o spaghi nel vuoto, i singoli elementi osservati, mentre fluttuano nell’aria, acquistano maggiore importanza e diventano immagini concettuali che vogliono invitarci a osservare i nostri rapporti sociali come “una rete di tessere legata tra di noi” con schemi visivi diversi ogni volta.

Ho da sempre osservato con grande attenzione e curiosità le relazioni umane tra le persone che mi circondano e quelle del mondo intero. Ho potuto così percepire certi aspetti di questi legami apparentemente invisibili.

Ciò che ho voluto rappresentare attraverso l’opera Inconscio collettivo è stato un immensa rete composta di svariate forme e colori di tessere che si sorreggono a vicenda, anche se a volte ci sono delle mancanze che causano poca forza e instabilità.

Trovo che sia una metafora perfetta della nostra umanità ora che, per la crisi economica mondiale, ci stiamo accorgendo di come siamo davvero tutti collegati, che ogni nostra singola azione e acquisto ha un effetto globale, e che a sua volta si riproduce in scala locale; quindi ben venga se vogliamo parlare di globalizzazione ma nel modo etico ed equo, perché siamo davvero tutti collegati più di quanto siamo abituati a crederlo, non solo dall’economia ma anche da fattori psichici come quelli analizzati da Carl Gustav Jung nelle sue affascinanti teorie, ad esempio riguardo questa parte della psiche che è comune all’intera umanità, denominata appunto “inconscio collettivo”.

Recentemente con questa stessa tecnica ho realizzato una serie di opere intitolate Relazioni Urbane, Relazioni Rurali, Relazioni virtuali e Relazioni clandestine, dove ho cercato di trasformare in immagini diversi tipi di relazioni sociali a seconda del luogo in cui si abita, attraverso differenti schemi compositivi.

Di indispensabile aiuto per questa ricerca è stata la possibilità che ho avuto di vivere per brevi periodi in luoghi differenti tra loro, dove ho avuto modo di sperimentare su me stesso diversi tipi di legami sociali: ogni luogo racchiude in sé determinate caratteristiche, simili tra loro e al tempo stesso distinte per peculiarità e ritmo; ogni luogo può arricchirci se ce ne lasciamo coinvolgere e contaminare, sia per comprendere meglio le caratteristiche delle nostre origini, sia per metterle in discussione.

Andrea Sala, Relazioni, 2011

So che presto sarai a Parigi: sperimentare nuovi luoghi è parte preziosa della vita, come ricorda lo stesso Kavafis nella bellissima Itaca. Nella tua esperienza poi è parte integrante del processo analitico e creativo. Non posso che concludere domandandoti se hai progetti futuri a breve o lungo termine e quali sono le tue aspettative da questo viaggio?

Sì, sono in partenza per Parigi alla ricerca di nuove collaborazioni artistiche: ciò che mi aspetto da questa città è il lasciarmi coinvolgere fino in fondo e trarre spunti per nuove ricerche come faccio ogni volta che ho la possibilità di viaggiare.

Progetti per il futuro? Le mie opere, in particolare quelle sulle relazioni sociali, sono una serie di analisi con l’obiettivo di inventare e di promuovere un nuovo luogo (possibilmente un villaggio abbandonato, visto che in Italia ne abbiamo tantissimi), dove si possano stabilire dei legami alternativi tra le persone per dare vita ad un progetto artistico, culturale e comunitario, che possa essere sostenibile e da modello per le generazioni future, che sono sempre più instabili e disorganizzate a rispondere ai nuovi problemi che il mondo sta ponendo: dalla crisi economica, alla gestione delle risorse, sino agli effetti culturali e sociali della globalizzazione.

Tutto quello che mi spinge a cercare una soluzione di vita sostenibile e circondata dall’arte è una nostalgica avanguardia.

Sarai il benvenuto ovviamente e grazie per l’intervista.

Info e contatti: www.andreasala.tk ; arend1986@gmail.com

Andrea Sala davanti all'opera Relazioni urbane, 2011

Read Full Post »

MARTE Associazione Culturale

Domenica 20 novembre chiude  O(Ax) = dO(Am) Equazione Impossibile, prima mostra dell’Associazione Culturale Marte, con una performance musicale di Enrico Malatesta all’interno del Battistero degli Ariani a Ravenna, ore 16.30.

Chiunque voglia partecipare si ritenga invitato!

È forse ancora presto per tirare somme e bilanci di un’operazione complessa com’è stata questa esposizione itinerante inserita all’interno di RavennaMosaico 2011 e che ha tenuto impegnato per un intero anno il gruppo di lavoro di cui faccio parte e sono socio fondatore insieme a Luca Barberini, Giuseppe Donnaloia, Âniko Ferreira da Silva, Arianna Gallo, Takako Hirai, Pavlos Mavromatidis, Flavia Pelosi e  Daniele Torcellini, primo ideatore del progetto.

Ricordo per sommi capi che si è trattato di un ribaltamento del tradizionale ruolo di mero esecutore assegnato al mosaico, infatti il senso del titolo è tutto qui: O(Ax) = dO(Am), ovvero l’opera di un artista x è uguale alla derivazione dell’opera di un artista mosaicista.

I 10 mosaici scelti quali bozzetti, in realtà opere finite esse stesse, sono stati tradotti, ovvero metabolizzati e traditi, in forma di pittura, performance, video arte, installazioni plastiche, fotografiche, etc., da altrettanti artisti di varie provenienze (il decimo è Malatesta, che si ispira a un lavoro dei CaCO3 come già gli Orthographe, nel suo caso per metterlo in musica) selezionati durante numerosi incontri, talvolta scontri dialettici, per cercare di far emergere chiara e potente l’idea che marte ha del mosaico: un’arte, o meglio un linguaggio al pari degli altri artistici, tanto che da esso può derivare altra arte, a sua volta indipendente e potenzialmente traducibile con altri mezzi, in una derivazione-generazione (o degenerazione creativa) infinita.

Ciò che talvolta non è possibile dimostrare con la bellezza delle leggi matematiche, può riuscire, e carico di futuro, in arte.

O(Ax) = dO(Am) Equazione Impossibile – Il blog della mostra

Marte Associazione Culturale – Pagina Facebook

marteassociation@gmail.com

Video Intervista rilasciata a Ravenna Web TV il 4 novembre 2011

Opere:

Luca Barberini, Folla (particolare), 2009

janesfonda, afterfolla, 2011 (After Luca Barberini)

Jo Braun, Mosaic Plastered Over (MoPO), 2010

Filippo Farneti, Deleting memory (particolare), 2011 (After Jo Braun)

CaCO3, Immersione (progetto site-specific), 2011

Enrico Malatesta, After CaCO3, 2011

CaCO3, Organismo n.19, 2011

Orthographe, senza titolo, 2011 (After CaCO3)

Arianna Gallo, Lens, 2009

David Loom, Revolve, 2011 (After Arianna Gallo)

Takako Hirai, Istinto, 2011

Giorgia Severi, Juniperus Chinensis Stricta, 2011 (After Takako Hirai)

Andrej Koruza, Tessera e Fuga #6 (particolare), 2008

Filippo Pirini, pǝɟɹɐƃ, 2011 (After Andrej Koruza)

Julian Modica, Surface sensible, 2006

NASTYNASTY©, Ario’s Bubbles Vision (QR), 2010 (After Julian Modica )

NASTYNASTY©, Ario’s Bubbles Vision, 2010 (After Julian Modica)

Atsuo Suzumura, Battaglia di Okehazama, 2002

Serena Nostini, Naginata 2.0, 2011 (After Atsuo Suzumura)

Matylda Tracewska, Black Square II, 2011

Takahiro Watanabe, Una sedia (particolare), 2011 (After Matylda Tracewska)

Read Full Post »

MARTE Associazione Culturale

Premessa: inaugura oggi alle 18.00 in piazzetta Ariani a Ravenna la prima mostra dell’Associazione Culturale Marte, nata nel maggio 2011 e della quale sono socio fondatore insieme ad altri critici e artisti.

Si tratta di un progetto di “contro mosaico”  in esposizione presso più sedi pubbliche e private, del quale rendo noto comunicato stampa e info.

Mostra: O(Ax) = dO(Am)Equazione Impossibile
Da un’idea di: Daniele Torcellini
Cura e organizzazione: Marte Associazione Culturale
Sedi : Mar – Museo d’Arte della Città di Ravenna, Battistero degli Ariani, Longo Souvenir, Ostello Galletti Abbiosi
Periodo: Ravenna, 5 – 20 novembre 2011 nell’ambito della seconda edizione del Festival Internazionale di Mosaico Contemporaneo Ravenna Mosaico
Inaugurazione: venerdì 4 novembre 2011 ore18.00 a partire da Via degli Ariani 18, Longo Souvenir;ore 19.00 performance di Filippo Pirini, Via Diaz 34-66
Finissage: domenica 20 novembre 2011 ore 16.30 performance di Enrico Malatesta, Battistero degli Ariani
Con la collaborazione di:  Comune di Ravenna, Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Ravenna, Ferrara, Forlì-Cesena e Rimini, CIDM, Mar – Museo d’Arte della Città,Ravenna Teatro – Teatro Rasi, Ostello Galletti Abbiosi, Longo Souvenir
Con il sostegno di: Comune di Ravenna
Ingresso: Gratuito

Il progetto di mostra O(Ax) = dO(Am) Equazione Impossibile, nato da un’idea di Daniele Torcellini e curato dall’Associazione Culturale Marte è in programma a Ravenna dal 4 al 20 Novembre 2011, nell’ambito del Festival Internazionale RavennaMosaico, presso il Mar – Museo d’Arte della Città, il Battistero degli Ariani, Longo Souvenir e Ostello Galletti Abbiosi. Il progetto intende indagare i concetti di originalità e derivazione nell’arte, attraverso una riconsiderazione del ruolo, del valore e dell’utilizzo della tecnica del mosaico in rapporto ad altre tecniche d’arte. Il progetto intende capovolgere una delle caratteristiche tradizionalmente associate al mosaico, ovvero quella di essere esclusivamente uno strumento di traduzione di idee originali, come bozzetti pittorici di artista o progetti di design.

Le opere esposte nell’ambito della mostra O(Ax) = dO(Am) Equazione impossibile testimoniano un rovesciamento dei tradizionali ruoli di ideatore ed esecutore, originale e derivazione. Ora sono le opere a mosaico a fare da bozzetto e ad essere oggetto di traduzione, ma anche appropriazione, interpretazione, ispirazione e mistificazione attraverso altri linguaggi artistici: pittura, fotografia, scultura-installazione, musica, video-arte, performance, etc.

L’esposizione prevede che le opere a mosaico non siano esposte, incluse solo fotograficamente nel catalogo di mostra. Ad essere esposte sono esclusivamente le traduzioni, in quanto opere dalla piena autonomia espressiva. In questo modo s’intende sia porre al centro della scena, sia escludere il mosaico – e con esso il concetto di originalità – dall’operazione artistica, in quella progressiva catena di creazione che vede l’arte nascere dall’arte.

Artisti Mosaicisti: Luca Barberini, Jo Braun, CaCO3, Arianna Gallo, Takako Hirai, Andrej Koruza, Julian Modica, Atsuo Suzumura, Matylda Tracewska.

Artisti Traduttori: Filippo Farneti, janesfonda, David Loom, Enrico Malatesta, NASTYNASTY©, Serena Nostini, Orthographe, Filippo Pirini, Giorgia Severi, Takahiro Watanabe.

O(Ax) = dO(Am) Equazione Impossibile – Il blog della mostra

Marte Associazione Culturale – Pagina Facebook

marteassociation@gmail.com

+39 329 8194477

Intervista sul settimanale Ravenna & Dintorni

Read Full Post »