Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘salvatore cosentino’

Mosaici romani d'età imperiale sfondati dagli scavi di Hera in Piazza Anita Garibaldi a Ravenna, estate 2011

Dei berluscones e della Lega s’è più volte detto su questo blog e il voto salva Cosentino della scorsa settimana ritengo sia un atto finale perfetto, oltretutto fuori tempo massimo, non necessitante di commenti ulteriori.

Ma quel che giusto è giusto: in quest’ultimo quasi ventennio anche il PD ha fatto la sua parte.

Come quasi tutti ha cambiato nome, ma non sostanza, che è ciò che conta. Quando è andato al governo come armata Brancaulivesca, be’, ha fatto la differenza: vogliamo parlare della ferocissima legge antitrust sul monopolio televisivo mai nemmeno sognata? E nell’ambito locale, il sistema Penati dice niente?

A Ravenna, candidata capitale europea della cultura per il 2019, nell’ultimo anno il Comune (giunta a maggioranza PD) in accordo con Hera, la holding energetica dell’Emilia Romagna, e scandalosamente con l’assenso della Soprintendenza archeologica, ha concesso ogni permesso di continuare a scavare sopra un’area, Piazza Anita Garibaldi in pieno centro storico, nonostante il ritrovamento di importanti mosaici pavimentali romani d’età imperiale, ora sfondati da piloni di cemento armato. Per far cosa? Un’isola ecologica interrata, ovvero una mega fossa raccogli monnezza puzzolente. E cercare altre soluzioni più rispettose e, fra l’altro, meno costose? Inutile ogni commento come le numerose proteste dei cittadini indignati completamente ignorate dalla dirigenza.

Ma non bisogna generalizzare, vero: ci saranno pure uomini validi nel Partitone, no? E fai pure che non ci siano! Spesso per la verità sono donne, ma tanto è come se non ci fossero o meglio, sono come le spillette e le coccardine da esibire al momento giusto sulla giacca dei soliti immarcescibili baffini, tanto perché non si dica che non siano al passo coi tempi.

E all’opposizione? Anche lì il super PD non s’è fatto mancare nulla: ha tuonato fermamente contro la barbarie belusconleghista facendo contestualmente controproposte serie (ma quando mai…), si è appropriato, questo sì, del risultato dei referendum di giugno che neanche voleva (anzi sulla privatizzazione dell’acqua sino a pochissimi anni fa Bersani era favorevolissimo e anche il nucleare non era certo un tabù) e sulle cose che contano davvero, tipo l’ignobile scudo fiscale tremontiano, ha fatto in modo che passasse grazie all’assenza di ben venti suoi deputati. Complimenti davvero.

Per non dire sulla contrarietà, talvolta ambiguamente taciuta, ad abolire province, privilegi, numero dei parlamentari, stipendi assurdamente alti e il porcellum elettorale che alla fine fa mooolto comodo a tutti. O il PD non è di sinistra o se la sinistra è il PD ha davvero finito il suo percorso storico, in modo pessimo peraltro.

“Noi siamo diversi, non dite che siamo tutti uguali”, ha ripetutamente ribadito Bersani: sì, nel senso che a differenza degli altri il PD fa la morale, non si capisce bene da quale razza di pulpito.

Mica è finita però. C’è un regalo anche per i bibliofili scattato lo scorso primo settembre 2011: il disegno di legge proposto da Ricardo Levi, parlamentare PD, e da tutti approvato, ovvero l’imposizione a tutte le librerie italiane incluse quelle online di non poter più fare i meravigliosi sconti del 25% talvolta anche 50% con cui i modesti acquirenti ma appassionati come il sottoscritto potevano permettersi qualche catalogone d’arte altrimenti troppo costoso. Per non dire del disastro provocato alle casse esangui delle biblioteche!

Contro ogni legge di libero mercato ora tutti sono eguali, al massimo è previsto un 15% di sconto ma non sotto i periodi festivi come dicembre e comunque non cumulabile con altri buoni o sconti ricevuti.

Motivo di questa genialata? Favorire le piccole librerie indipendenti distruggendo ogni concorrenza: ora, chi glielo va a spiegare a Levi e compagnoni che non è esattamente in questo modo e in questo periodo di crisi nerissima che si stimola il mercato librario italiano, già magrissimo peraltro?

Semplicemente si acquisteranno ancor meno testi sia da parte dei privati sia soprattutto da parte dei pubblici uffici, biblioteche in primis.

Ma a gentaglia che percepisce fra i 15 e i 20 mila euro mensili e fors’anche di più in alcuni casi, sganciata da ogni realtà nel dorato ancien régime romano, cosa vuoi che importino le magnifiche sorti e progressive di noi comuni mortali?

Quo usque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?

Ps. Bene o male che se ne dica o pensi, il governo Monti in questi primi due mesi di operato ha dimostrato quanto mai chiaramente l’enorme lavoro che c’è da fare (e certo i tecnici non sono perfetti, anzi), ovvero tutto quello che l’intera nostra classe dirigente, in primis politica, non ha voluto né saputo fare per anni, causa sostanziale inadeguatezza, inettitudine cronica e un egoismo sfrenato.

Annunci

Read Full Post »