Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘teatro alla scala’

Interno del Teatro lirico Alla Scala di Milano, inaugurato il 3 agosto 1778 (progetto originario dell'architetto Giuseppe Piermarini)

Meneghino: «Demm donca a trà, che ve dirò d’i coss/ che ve faran servizij./ Son stàe alla guerra an mì/ e so comè la va. Ve cuntarò/ tutta l’istoria de sta vitta braeva/ dalla raeva alla faeva./ E no guardé, che sia on tàe badin/ che no sa lesg nè scrivv,/ se ben no g’ho scricciura nè latin/ in la cà della tegna,/ chi paerla par amor, l’amor gh’insegna.»

(Meneghino: «Datemi dunque attenzione, che vi dirò delle cose/ che vi faranno servizio./ Sono stato anch’io alla guerra/ e so come va. Vi conterò/ tutta la storia di questa vita brava/ dalla rava alla fava./ E non guardate se sono un tapino/ che non sa né leggere né scrivere,/ se anche non ho né scrittura né latino/ nella casa della tigna,/ chi parla per amor, l’amor gl’insegna.»)

Carlo Maria Maggi, da I consigli di Meneghino (atto I, scena II), 1697

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

I paroll d’on lenguagg, car sur Gorell,/ hin ona tavolozza de color,/ che ponn fà el quader brutt, e el ponn fà bell/ segond la maestria del pittor.// Senza idej, senza gust, senza on cervell/ che regola i paroll in del descor,/ tutt i lenguagg del mond hin come quell/ che parla on sò umilissim servitor//  e sti idej, sto bon gust già el savarà/ che no hin privativa di paes,/ ma di coo che gh’han flemma de studià:// tant l’è vera che in bocca de Usciuria/ el bellissem lenguagg di Sienes/ l’è el lenguagg pù cojon che mai ghe sia.

(Le parole di una lingua, caro signor Gorelli,/ sono una tavolozza di colori,/ che possono fare il quadro brutto, o farlo bello,/ a seconda del talento del pittore.// Senza idee, senza gusto, senza un cervello/ che regoli le parole nel discorso,/ tutti i linguaggi del mondo son come quello/ che parla un suo umilissimo servitore:// e queste idee, questo buon gusto già lo saprà/ che non sono privilegio di un paese,/ ma delle teste che hanno voglia di studiare:// tant’è vero che in bocca a Vossignoria/ il bellissimo linguaggio dei Senesi/ è il linguaggio più coglione che ci sia.)

Carlo Porta, I paroll d’on Lenguagg car sur Gorell, 1810

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Cecch: «Minga domà i codegh ghe mangi, ma on porscell intrighi s’el voeur! (…) Ma che famm, che famm d’Egitt! L’è la forza natural che gh’ho in del sangu! Mi coi mè  settant’ann sui spall, sont pussee giovin de lú! La generazion che ven su adess l’è tutta da strasc!»

(Cecch: «Non mangio mica soltanto le cotiche, ma un maiale intero se lei vuole! (…) Ma che fame, che fame d’Egitto! È il vigore che ho nel sangue! Io, con i miei settant’anni sul groppone, sono più giovane di lei! La gioventù oggi è tutta da buttare allo straccivendolo!»)

Carlo Bertolazzi, da El nost Milan: la povera gent (atto III, scena I), 1893

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Trâ, ‘me ‘na s’giaffa salti trì basèj,/ e passi in mezz a l’aria, al ver teater/ che l’è mè pàder ‘me sarà nel temp,/ e schitti, curri, e ‘l sbatt che fa la porta/ l’è cume l’aria che me curr adré./ A trì, a quatter, al sping de la linghéra,/ mì vuli i scal e rivi al campanèll./ Mia mama, adasi, la sciavatta e derva,/ mè pader rìd, e mì me par per nient.

(Gettato, come uno schiaffo salto tre gradini,/ e passo in mezzo all’aria, al vero teatro/ che è mio padre come sarà nel tempo,/ e scatto, mi affretto rapido, e lo sbattere che fa la porta/ è come l’aria che m’insegue dietro./ A tre, a quattro, alle spinte della ringhiera, / io volo le scale giungo al campanello./ Mia madre, adagio, ciabatta e poi apre,/ mio padre ride, e a me sembra per niente.)

Franco Loi, da Stròlegh (Torino, 1975)

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Read Full Post »