Feeds:
Articoli
Commenti

Thomas Berra, Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo, installation view, Spazio Leonardo, Milano, courtesy UNA, ph. credit Cosimo Filippini

“Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo.” Tano Festa

UNA è lieta di presentare la sua prima collaborazione con Spazio Leonardo, il nuovo contenitore di Leonardo Assicurazioni – Generali Milano Liberazione. Il primo appuntamento del programma espositivo è la mostra personale di Thomas Berra attualmente in corso: Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo.

Fulcro del progetto site-specific è un grande wall painting lungo tutta la parete della Gallery, una delicata gouache improntata alla pittura segnica e gestuale, su cui si posizionano una serie di lavori su carta e su tela di piccolo e medio formato.

Thomas Berra, Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo, installation view, Spazio Leonardo, Milano, courtesy UNA, ph. credit Cosimo Filippini

A questo proposito dice Simona Squadrito: “Con la sua ultima produzione Thomas Berra indaga e sperimenta la natura dei segni. La ricerca parte dallo studio delle forme organiche della natura, da una parafrasi del paesaggio e delle forme vegetali, come ad esempio quelle presenti nelle venature delle foglie, del legno, dei fili d’erba o della superficie dei tronchi degli alberi. Via via il segno ha preso il sopravvento, sganciandosi dalla sua intenzione rappresentativa, e la ricerca è diventata un puro studio sul ritmo e sulla composizione: un’indagine sulla relazione tra il segno e lo spazio.

Le tracce lasciate da Thomas Berra sono poco differenti l’uno dall’altra e si ripetono centimetro dopo centimetro, generando un vero e proprio ritmo visivo, e producendo una moltitudine di presenze simili ai suoni e alle note di un’orchestra, che poi altro non sono che le vibrazioni generate da una linea che si ripete e si moltiplica.

Thomas Berra, Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo, installation view, Spazio Leonardo, Milano, courtesy UNA, ph. credit Cosimo Filippini

In questi lavori la superficie, sia quella del foglio che quella della parete, si presta ad accogliere l’esperienza fisica dell’artista, che riscopre la gioia e la vitalità di un gesto che traccia una linea con una mano rapida e sicura. Quelli di Thomas Berra sono colpi veloci e pre-razionali, segni dell’attimo: forme semplici e morbide dai colori liquidi e dalle tinte luminose e chiare. Attraverso questa ossessiva ripetitività del segno l’artista sembra voler affermare l’impossibilità di una pittura puramente intellettuale.”

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

“We All Owe Money to the Old Tailor of Toledo.” Tano Festa

Una is pleased to present its first collaboration with Spazio Leonardo, Leonardo Insurance’s new container located in the heart of Milan, in the Porta Nuova Quarter.

The first appointment of the exhibition program is Thomas Berra’s solo show: Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo [We All Owe Money to the Old Tailor of Toledo]The center of the site specific project is a large wall painting, as long as the Gallery’s wall, a delicate gouache marked by a sign and gesture painting, with a series of works on paper and canvas in small and medium format.

Thomas Berra, Untitled, acrilico su tela, cm 30 x 40, 2018, courtesy UNA, ph. credit Cosimo Filippini

Thomas Berra, Untitled, acrilico su tela, cm 30 x 40, 2018, courtesy UNA, ph. credit Cosimo Filippini

Simona Squadrito says: “With his latest production, Thomas Berra investigates and experiments with the nature of signs. The research begins with the study of organic forms in nature, from a paraphrase of landscape and plant forms, such as those present in the veins of leaves, wood, blades of grass or the surface of tree trunks. Gradually the sign takes over, ridding itself of its representative intention, and the research becomes a pure study of rhythm and composition: an investigation of the relationship between the sign and the space.
The traces left by Thomas Berra aren’t much different from each other and are repeated centimeter after centimeter, generating a visual rhythm, and producing a multitude of presences similar to the sounds and notes of an orchestra, which are nothing other than the vibrations generated by a repeating and multiplying line.

Thomas Berra, Untitled, acrilico su tela, cm 30 x 40, 2018, courtesy UNA, ph. credit Cosimo Filippini

Thomas Berra, Untitled, acrilico su tela, cm 30 x 40, 2018, courtesy UNA, ph. credit Cosimo Filippini

In these works, the surface, both that of the sheet and that of the wall, yields to the physical experience of the artist, who rediscovers the joy and vitality of a gesture, a line drawn with a quick and sure hand. Thomas Berra’s marks are immediate and pre-rational, signs of the moment: simple and soft shapes with liquid colors and bright and clear shades. Through this obsessive repetition of the sign the artist seems to want to affirm the impossibility of purely intellectual painting. ”

Thomas Berra. Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo

mostra 12 aprile – 8 giugno

orari: dal lunedì al venerdì, 10:00 – 18:00

Spazio Leonardo

via della Liberazione 16/a, 20124 Milano

www.leonardoassicurazioni.it

Per informazioni: info@unagalleria.com

+ 39 339 17 14 400 | + 39 349 35 66 535

Press contact: Sara Zolla
press@sarazolla.it

 

Annunci

John Berger (1926-2017)

Nella casa di amici dove ci siamo svegliati c’era un pianoforte. Avevamo dormito su un materasso appoggiato a terra. Il piano era nella stanza di sotto. I due bambini di casa stavano facendo degli esercizi al pianoforte prima di andare a scuola. Esercizi a quattro mani. Ogni tanto incespicavano e riprendevano la frase da capo.

Se fossimo stati nel diciottesimo secolo, quando le domande si schiudevano oziosamente come porte sui giardini, avrei potuto chiedere: “Ricordi?”. Ma nel nostro secolo, ora che solo il male e l’indifferenza non conoscono limiti, non possiamo permetterci domande non necessarie; piuttosto, dobbiamo difenderci con quel po’ di certezze che abbiamo a portata di mano. So che ricordi.

I due bambini stavano suonando con leggerezza e diligenza e le note riempivano la casa. Eri distesa con le spalle girate verso di me, i tuoi seni nelle mie mani. Né tu né io eravamo eccitati. La musica imponeva un minimo di ascolto e noi ascoltavamo – proprio come si può contemplare la tappezzeria di una camera d’albergo senza guardarla veramente. Svegliarci al suono di quella musica leggera e diligente di bambini che stanno per andare a scuola fu, amore mio, quanto di più prossimo ci sarà mai allo svegliarci a casa prima di partire.

John Berger, E i nostri volti, amore mio, leggeri come foto, Milano 2008, p.140.

 

Sara Vasini, I want to sleep with you, 2016, corallo rosso corallo nero e marmo in oggetto già fatto

Noi altri dipintori habbiamo da parlare con le mani. Annibale Carracci

Domani, sabato 5 maggio 2018, presso la Libreria Libridine (Viale Baracca 91, Ravenna) alle ore 17.30 si terrà una conversazione su arte e letteratura fra il critico Luca Maggio e l’artista Sara Vasini, che descriveranno con esempi di testi e opere il rapporto fra questi due potenti canali espressivi umani e nello specifico il rapporto fra le opere musive di Sara e alcuni autori importanti per il suo percorso di ricerca creativa.

 

(31)

Summer for thee grant I may be
When summer days are flown!
Thy music still when whippoorwill
And oriole are done!

For thee to bloom, I’ll skip the tomb
And sow my blossoms o’er!
Pray gather me, Anemone,
Thy flower forevermore!

(1858)

Emily Dickinson (1830 – 1896), Poems, edition by T.H.Johnson, Boston, Little Brown, 1960.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

(31)

Possa essere io la tua estate

Quando i giorni estivi saranno volati!

E la tua musica, quando caprimulgo

E rigogolo preferiranno il silenzio!

 

Fiorirò per te, oltre la tomba

Spargendo i miei boccioli!

Coglimi, Anemone, come una preghiera,

Tuo fiore per sempre!

(1858)

Emily Dickinson (1830 – 1896), Poemsn.31, traduzione di Luca Maggio.

 

PS. Oggi compio quarant’anni. Dedico questa mia personale traduzione della Dickinson a mia moglie Silvia. E buon primo maggio a tutti voi!

 

 

Eric Gill (1882-1940), The Soul and the Bridegroom, 1927

 

Ps. Grazie a Anna M. per questa pagina.

Ketty La Rocca, Non commettere sorpassi impuri (1964-65)

Una delle grandi protagonista dell’arte italiana degli anni Sessanta e Settanta, oggi al centro di una vera riscoperta internazionale, è stata Ketty La Rocca (La Spezia, 1938 – Firenze, 1976).

Quest’anno, in occasione della XVII Biennale Donna, a quasi vent’anni dall’ultima mostra antologica a lei dedicata in Italia e a ottant’anni dalla nascita, verrà inaugurata (domani, sabato 14 aprile alle ore 18.00) una mostra intitolata Ketty La Rocca 80. Gesture, speech and word, a cura di Francesca Gallo e Raffaella Perna, in cui si presenteranno una selezione di opere focalizzate sul rapporto tra linguaggio verbale e corpo, cuore della poetica dell’artista. La mostra è realizzata in collaborazione con l’ Archivio Ketty La Rocca di Michelangelo Vasta e sarà aperta al  Padiglione d’Arte Contemporanea di Ferrara dal 15 aprile al 3 giugno 2018.

Ketty La Rocca, Via col vento, locandina (1975)

Ketty La Rocca 80. Gesture, speech and word si muoverà su un doppio binario, tematico e cronologico: opere di anni diversi saranno raccolte attorno al polo della parola, centrale nella fase verbovisiva e a quello del gesto, che invece caratterizza la produzione del decennio seguente. Il pubblico potrà vedere una selezione di circa 50 opere scelte tra le più rappresentative della produzione dell’artista – dai collage verbovisivi ai cartelli, dai videotape alle sculture sagomate, dalle Riduzioni alle Craniologie – più alcuni progetti, opere e materiali documentari mai esposti prima in Italia, come la documentazione dell’azione Verbigerazione (1973), realizzata nell’ambito della X Quadriennale d’Arte di Roma, recentemente ritrovata nell’archivio dell’ente romano, e l’audio originale della performance Le mie parole, e tu? (1975). Sarà inoltre presentato un progetto mai realizzato: In principio erat verbum, un gioco-performance che ribadisce l’interesse dell’artista per la comunicazione gestuale.

Ketty La Rocca, Le mie parole e tu (1971)

Ketty La Rocca 80. Gesture, speech and word

15 aprile – 3 giugno 2018

Padiglione d’Arte Contemporanea

Corso Porta Mare 5, 44121 Ferrara

Orari

da martedì a domenica 9.30 – 13.00 / 15.00 – 18.00

Aperto anche 23 e 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno

Sara Zolla press

 

 

 

Sharon Lockhart, Nine Sticks in Nine Movements. Movement Three, 2018

È stata inaugurata ieri venerdì 6 aprile (fino al 3 giugno 2018) Sharon Lockhart, personale dell’artista americana curata da Adam Budak e Diana Baldon presso il MATA, ex Manifattura Tabacchi e attualmente sede espositiva temporanea di Fondazione Fotografia Modena.

Sono in mostra fotografie e sculture inedite e interconnesse, realizzate appositamente per lo spazio ​e ispirate all’attivismo sociale dei suoi operai.

Sharon Lockhart, Nine Sticks in Nine Movements. Movement Six, 2018

Il punto di partenza per questi nuovi lavori è l’interesse costante dell’artista per il ritratto, la rappresentazione, il movimento, il lavoro e il potere delle donne. La Lockhart si cimenta per la prima volta con la lavorazione del bronzo realizzando per la serie A Bundle and Five Variations (2018) alcune sculture scaturite da calchi di bastoni che l’artista stessa ha raccolto sulle montagne della Sierra Nevada in California. Grazie alla collaborazione con Ravi GuneWardena della Sogetsu School of Ikebana, queste sculture sono state disposte in sei diverse composizioni che si relazionano con le fotografie della serie Nine Sticks in Nine Movements (2018): in queste immagini, Lockhart e la protagonista degli scatti, Sichong Xie, hanno ideato un movimento per ogni scultura bronzea.

Sharon Lockhart, Nine Sticks in Nine Movements. Movement Nine, 2018

Grazie agli intensi scambi tra l’artista, i curatori e Fondazione Fotografia Modena, la mostra affronta inoltre la storia fortemente politicizzata della sede espositiva, un’ex manifattura tabacchi, per alcuni periodi popolata esclusivamente da forza lavoro femminile. È infatti inclusa una selezione di immagini inedite proveniente dagli archivi del noto studio fotografico modenese Botti e Pincelli, ora proprietà del Comune di Modena con gestione della Fondazione Modena Arti Visive, di cui peraltro fanno parte la stessa Fondazione Fotografia Modena insieme alla Galleria Civica di Modena e al Museo della Figurina.

Irene Guzman press

Sharon Lockhart – Fondazione Fotografia Modena

www.lockhartstudio.com